Quantcast

Aquile sconfitte a Monza

Saugella Team Monza- Sab Volley Legnano 3-1

Saugella Team Monza: Ortolani (26), Loda (11), Havelkova (1), Hancock (9), Bonvicini (L), Begic (16), Negro, Candi (3), Devetag (7), Dixon (9), Balboni, Arcangeli (L), Orthmann. Allenatore: Pedullà.
Sab Volley Legnano: Martinelli (1), Coneo, Cecchetto (L), Caracuta (2), Newcombe (15), Mingardi (9), Ogoms (5), Cumino, Pencova (7), Lussana (L), Bartesaghi, Degradi (15), Drews (8). Allenatore: Pistola.
MVP: Ortolani.
Arbitri: Bassan di Brescia e Prati di Pavia.

La Sab ci ha provato, giocando a tratti anche un’ottima prestazione, soprattutto nella fase iniziale della partita, quando avrebbe potuto tranquillamente vincere il primo set, e ha vinto abbastanza agevolmente il secondo.

Ma sulla lunga distanza è uscita la grande esperienza del Saugella Team Monza, soprattutto grazie alla strepitosa gara da parte di Serena Ortolani, autrice di ben 26 punti, e ben aiutata dalle compagne, sempre in grado di reagire nei momenti più difficili e di ribaltare lo svantaggio, fino ad arrivare al quarto set, dominato in lungo e in largo.

Onore alla squadra vincitrice, ma per la Sab sono arrivati comunque dei segnali positivi: con un po’ di concentrazione in più e qualche punto in meno della Ortolani forse almeno un punto lo si sarebbe potuto portare a casa.

Da sottolineare l’ottima partita di Newcombe e di Degradi, autrici di 15 punti ciascuna.

Primo set 1-0 (6-8) (15-16) (28-26)
La Sab conferma la stessa formazione che ha battuto Bergamo per 3-0 all’esordio, con in panchina Amanda Coneo, appena tornata dalle qualificazioni mondiali con la Colombia.

Per le monzesi torna in campo Micha Hancock, che aveva saltato la prima gara a Firenze per un infortunio alla caviglia.

Primo set combattutissimo fra Monza e Legnano, che hanno dato vita ad un grande inizio di partita.

Sono state le padrone di casa a cominciare in modo spumeggiante l’incontro, forse spinte dalla voglia di riscattarsi, dopo la sconfitta di domenica scorsa a Firenze, e si sono portate sul 4-1.

A questo punto è iniziata la rimonta di Legnano che è riuscita, con una reazione decisa e un’ottima fase difensiva (muro di Mingardi) ad andare in vantaggio per 4-6.

Da qui in poi le squadre si sono costantemente affrontate punto su punto, con Legnano che è riuscita per gran parte della gara a mantenersi in vantaggio di un paio di punti, fino al 13-15, ma Monza non ha mai mollato e, con la bravura soprattutto di Ortolani, Begic e Hancock, ha trovato il pareggio, poi è riuscita a tallonare la Sab, che ha provato a scappare, senza però affondare i denti.

Il primo set point delle padrone di casa è stato annullato dalla Sab, che poi non è stata in grado, a sua volta, di approfittare del vantaggio ottenuto (25-26), per poi capitolare 28-26.

 

Secondo set 1-1 (4-8) (9-16) (21-25)
Secondo set al cardiopalmo per la Sab, che si è portata di slancio sull’1-6, poi è arrivata la prevedibile reazione di Monza, ma questa volta le giallonere non si sono fatte trovare impreparate come nel primo set e sono riuscite a mantenere un buon margine di vantaggio, con la complicità di un errore in attacco di Havelkova, che ha regalato alla Sab il punto del 4-11.

Trascinatrice di questo secondo set Alice Degradi, che ha aiutato le sue compagne a costruire il castello di punti che poi ha permesso alle aquile di metterlo al sicuro, con una fuga che ha portato la Sab sul 10-18.

Qui le legnanesi hanno un po’ mollato, forse pensando già al terzo set, e hanno concesso qualcosa di troppo alle avversarie, fin qui non proprio impeccabili, né in attacco né in difesa.

Ortolani, Begic e Hancock si sono ancora una volta caricate sulle spalle il peso della rimonta, fino a portarsi ad appena due lunghezze dalle ospiti (19-21).

Qui ancora Degradi ha scaricato tutta la tensione con un punto che ha concesso il primo set point (20-24), non sfruttato immediatamente, ma poi un errore in attacco di Monza ha regalato alla Sab il secondo set.

 

Terzo set 2-1 (6-8) (16-12) (25-18)
Inizio del terzo set punto a punto, con botte e risposte repentine, fino al 6-6, quando la Sab tenta ancora una volta di allungare, come già fatto nei primi due set, portandosi quindi sul 6-9, grazie agli attacchi di Mingardi e Newcombe, che ha giocato una grande partita.

Vantaggio di 3 punti però mantenuto a fatica dalla Sab, che non riesce ad arginare il ciclone Ortolani, oggi davvero in giornata, anche se, chiaramente, non scopriamo solo ora le sue immense qualità.

Arriva così il ribaltamento di risultato per Monza, che allunga sul 10-9 e decide quindi di non concedere quasi più nulla alle avversarie: le legnanesi ci provano, ma non riescono più a stare al passo delle padrone di casa, che si portano sul +3 (14-11), e non basta il punto di Caracuta per riaccendere la luce in casa Sab, che sta giocando bene, ma Monza di più, e questo basta a far chiudere in scioltezza il terzo set in favore del Saugella Team (25-18), nonostante i tentativi di Mingardi e Newcombe, che hanno soltanto accorciato, ma senza incidere.

 

Quarto set 3-1 (8-6) (16-12) (25-14)
Finale di partita da dimenticare per la Sab Volley che, nonostante la nota positiva di Newcombe e Degradi, brave nel provare a tenere il passo delle avversarie, non ha regalato nessuna emozione alle legnanesi, nonostante un buon inizio, quando la Sab è riuscita a tenere leggermente testa al Saugella Team (8-6), ma alla fine è uscita la voglia della squadra di casa di portare a casa il bottino pieno, regalando ai propri tifosi la prima gioia della stagione, concedendo quindi alle avversarie soltanto 2 punti nella fase finale dell’incontro, il 16-13 e il 21-14, volando letteralmente verso la vittoria, arrivata con ben 11 punti di vantaggio sulla Sab.

Più informazioni su