Quantcast

La Revivre vince 3-0 a Ravenna un importante scontro diretto

Vittoria importantissima della Revivre Milano sul campo di Ravenna

BUNGE RAVENNA-REVIVRE MILANO 0-3
(21-25; 25-27; 20-25)

BUNGE RAVENNA: Mazzone (ne), Vitelli, Orduna (1), Poglajen (8), Raffaelli (4), Pistolesi (ne)., Gutierrez, Goi (L), Georgiev (4), Diamantini (3), Marchini (ne), Marechal (17), Buchegger (9). Allenatore: Soli.

REVIVRE MILANO: Abdel Aziz (13), Piccinelli (L, ne), Klinkenberg (3), Sbertoli (1), Tondo (ne), Schott (1), Perez, Piano (9), Galassi (1), Averill (2), Preti (ne), Cebulj (17). Allenatore: Giani.

Vittoria importantissima della Revivre Milano sul campo di Ravenna, in uno scontro diretto in chiave play off che alla fine ha visto prevalere nettamente gli ospiti milanesi sui padroni di casa che soltanto nel secondo set hanno avuto l’opportunità di scombinare i piani di Milano, senza tuttavia esserne in grado e crollando nel momento decisivo.

Per la Revivre prestazione maiuscola di Cebulj, con i suoi 17 punti ha contribuito alla vittoria finale, insieme al sempre positivo Abdel-Aziz e a capitan Matteo Piano, con il suo 100% di ricezione positiva in serata.

Per Ravenna decisamente una serata no, con una difesa da rivedere e un muro non ineccepibile, solo tre a fine gara, mentre la Revivre ne ha messi a segno sei, di cui cinque nel finale del secondo set, il momento chiave della partita.

PRIMO SET: 0-1 (7-8) (15-16) (21-25)
Parte subito bene la Power Volley Milano, portandosi in vantaggio immediatamente e districandosi bene fra le maglie della difesa ravennate, oggi non impeccabile, sebbene a fine set la ricezione perfetta migliore sarà proprio quella dei padroni di casa, con il 35%, mentre Milano si assesta sul 28, ma sono i due attacchi a fare la differenza, in positivo e in negativo: Ravenna ferma al 58%, Milano al 78.

Set che rimane comunque in bilico dall’inizio alla fine quando, sul 19-21, Marechal commette due errori che consentono a Milano di allungare prepotentemente verso l’1-0, e Abdel-Aziz non si fa pregare due volte e trasforma subito il set point.

SECONDO SET: 0-2 (7-8) (16-13) (25-27)
Il secondo set è la vera chiave del match: Ravenna tenta subito di imprimere il proprio gioco ma Milano, con Cebulj e Abdel-Aziz, non cede, sebbene entrambe le squadre ora fatichino, sia in difesa sia in attacco, con le percentuali che si abbassano notevolmente.

Milano reagisce bene, ma cede nella parte centrale della frazione di gioco, lasciando campo libero a Ravenna che prima va sul +3, poi allunga ulteriormente sul 22-16, portandosi decisamente in vantaggio sugli avversari, ma qui Milano si sveglia e comincia la girandola di muri, ben cinque, che riaprono il set: Piano, Cebulj e Abdel-Aziz sono implacabili e riescono addirittura ad annullare ben sei set point di Ravenna che, in preda al panico, regala la rimonta completa con il servizio sbagliato da Marechal, per poi soccombere 25-27.

TERZO SET: 0-3 (4-8) (12-16) (20-25)
Il terzo set vede Ravenna scendere in campo frastornata, è ovviamente una squadra che ha subito il colpo della pesante rimonta milanese nel set appena concluso, e perso, malamente, tanto che gli ospiti prendono subito il largo: Cebulj è in giornata di grazia e non sbaglia un colpo, Piano e Abdel-Aziz confezionano ottimi palloni e recuperano bene in difesa.

Un fisiologico calo di concentrazione ospite permette alla Bunge di accorciare a -2 (16-18), ma dura davvero poco, perché Milano ha la consapevolezza che perdere questo set rischierebbe di compromettere quanto di buono fatto finora, per cui arrivano subito punti importanti, praticamente senza errori, da parte della Revivre, conditi da tre ace, che valgono set e partita.

V giornata di ritorno:
Diatec Trentino-Cucine Lube Civitanova 1-3
Gi Group Monza-Sir Safety Conad Perugia 0-3
Azimut Modena-Calzedonia Verona 3-0
Wixo LPR Piacenza-Taiwan Excellence Latina 3-2
Biosì Indexa Sora-Kioene Padova 1-3
Bunge Ravenna-Revivre Milano 0-3
Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia-BCC Castellana Grotte 3-2

Classifica:
Perugia 48; Civitanova 47; Modena 42; Verona 32; Trentino 30; Padova 29; Milano 28; Piacenza 27; Ravenna 25; Latina 19; Monza 18; Vibo Valentia 12; Castellana Grotte 8; Sora 7.