Quantcast

Simone Crea: “Non ho mancato di rispetto alla maglia lilla, non lo farei mai”

Il giocatore lilla chiarisce il suo gesto all'uscita dal campo dopo Calvairate-Legnano

Dalle pagine del sito ufficiale dell’A.C. Legnano, il lilla Simone Crea chiarisce il suo gesto all’uscita dal campo dopo Calvairate-Legnano: “Se qualcuno ha interpretato questo gesto come una mancanza di rispetto, assicuro che non è così.

La mia rabbia non era rivolta contro nessuno, nemmeno contro l’arbitro. Ero arrabbiato contro noi stessi e me per primo, per non aver vinto una partita che dovevamo assolutamente portare a casa. Ero davvero infuriato per il pareggio, mi sono tolto la maglia e l’ho messa al collo, non l’ho affatto lanciata e non lo farei mai.

Chiunque può capire che è andata così. Ma ho fatto un errore di cui chiedo scusa: i ragazzi della Nord ci incitano per 90 minuti su ogni campo. Salutarli a fine partita, indipendentemente dal risultato, è un piacere, non solo un dovere. Ma non ero lucido e non l’ho fatto: perdonatemi, non si ripeterà“.

Poi Crea lancia lo stesso appello già lanciato dal Presidente Munafò: “Dobbiamo restare uniti, giocatori, dirigenza e tifosi, per ritrovare tranquillità. E’ l’unica cosa che ci manca. Abbiamo una rosa fantastica, in grado di ottenere qualunque risultato, ma niente è mai scontato.

Capita spesso di trovare squadre chiuse che fanno muro, passano i minuti, ti innervosici, diventi frenetico e alla fine ti ritrovi come ieri o domenica scorsa, con due punti sfumati. Dobbiamo solo voltare pagina, dimenticare Vigevano e Calvairate e ripartire conquistando i tre punti contro l’Alcione“.