Quantcast

Presentata la finale di Len Euro Cup di Pallanuoto foto

A contendersi il trofeo europeo la Banco BPM Sport Management Busto Arsizio e il Ferencvaros di Budapest

BUSTO ARSIZIO – Si è tenuta oggi pomeriggio la conferenza stampa di presentazione della gara di ritorno della finale di Len Euro Cup, la seconda competizione più prestigiosa di pallanuoto a livello europeo: a fronteggiarsi i campioni in carica del Ferencvaros, già vincenti all’andata per 9-8, e la Banco BPM Sport Management Busto Arsizio.

La partita, in programma alle 19.00 di mercoledì 18 aprile (orario scelto a causa della concomitanza con il turno infrasettimanale di Serie A), è l’ultimo atto di una competizione iniziata lo scorso settembre e che ha visto nelle due finaliste le due squadre dal rendimento più costante.

Gli ungheresi arrivano a questo punto del torneo imbattuti, mentre la Sport Management ha incassato soltanto due sconfitte, entrambe proprio contro il Ferencvaros: per 11-9, nel Girone B del primo turno di qualificazione, poi nella gara di andata.

Emanuele Antonelli, sindaco di Busto A., ha speso poche parole per introdurre questa importante partita di Coppa, ringraziando gli sponsor e la società Sport Management per essere riuscita a crescere costantemente negli ultimi anni, fino ad arrivare a questo prestigioso traguardo, per poi passare la palla all’assessore allo sport, Farioli: “Oggi iniziano due giornate che porteranno alla finale dell’Euro Cup, per le quali ringrazio sentitamente il sindaco, che ha fortemente voluto tutto questo. La squadra sta trovando dei risultati impressionanti, sia in Europa sia in Italia, dunque mi auguri che domani i ragazzi possano alzare la coppa al cielo, nonostante il grande rispetto che nutro per gli avversari

Domani ci sarà un evento storico – così esordisce, felice, Sergio Tosi, presidente della società – sono 30 anni che facciamo pallanuoto, siamo in A1 da 5 anni, abbiamo sempre dato il massimo, ma è la prima volta che andiamo così vicini a vincere un trofeo importante. Giocheremo contro una delle squadre più forti del mondo ma, come già dimostrato a Budapest, cercheremo di fare del nostro meglio, quindi siamo fiduciosi

Preferisce parlare in inglese Norbert Katona, direttore tecnico della squadra ungherese, nonostante l’ottima conoscenza dell’italiano: “Prima di tutto grazie per l’ospitalità, sono felice di tornare qui, dove abbiamo cominciato la qualificazione a settembre, quando dissi alla dirigenza della Sport Management che ci saremmo rivisti, e così è successo. Faccio i miei più sentiti complimenti agli avversari per tutto quello che hanno fatto e per il loro percorso, dato che in pochi anni sono arrivati a questo livello. Sono felice di tornare nell’atmosfera unica della Piscina Manara, dove non sarà facile per noi difendere il trofeo già vinto lo scorso anno, i nostri avversari lotteranno fino alla fine, speriamo di riportare la coppa a Budapest

L’allenatore della Sport Management, Marco Baldineti, si concentra di più sul lato tecnico: “All’andata hanno vinto perché hanno tenuto più alte le percentuali, come c’era da aspettarsi, giocano con campioni formidabili, sono davvero difficili da battere. Domani dovremo cercare di alzare le nostre percentuali, magari riuscendo anche a costruire qualche contropiede

Nonostante tutto però sarà comunque una grande gioia: “Loro sono ovviamente i favoriti, perché sono i detentori della coppa, una delle squadre più forti del mondo, ma noi proveremo comunque a vincere, dato che il minimo scarto dell’andata (9-8, ndr) ci permette di tenere aperti i giochi. In ogni caso questa è la prima finale nella storia della società, vincere sarebbe bellissimo per tutti, ma comunque sapremo goderci l’ottimo risultato anche in caso di sconfitta

Siamo molto concentrati, abbiamo lavorato molto e siamo pronti a giocarci questa partita – si sente subito la carica nelle parole di Fabio Baraldi, centroboa della Banco BPM – ma ho anche sentito molto entusiasmo attorno alla nostra squadra, come se avessimo già la coppa in bacheca. Dobbiamo scordarci tutto questo, perché i nostri avversari sono fortissimi e abituati a giocare un certo tipo di partite. Se loro vinceranno, domani, non sarà una novità, mentre dovessimo vincere noi avremo fatto una cosa straordinaria. In ogni modo noi siamo pronti, vogliamo portare a casa la coppa, questo è fuori discussione