Quantcast

Rugby, nel weekend a Parabiago il Trofeo del Galletto foto

La città della Calzatura è pronta ad ospitare nel weekend il Torneo più amato dai "galletti"

PARABIAGO – La città della Calzatura è pronta ad ospitare, sabato 26 e domenica 27 maggio, il Torneo Nazionale più atteso dai “galletti”. Per l’occasione il campo “Venegoni-Marazzini”, ormai definito da tutti la “casa del rugby“, ospiterà la quinta edizione del Trofeo del Galletto – Memorial “Luciano Marazzini” che vedrà protagonisti i bambini dai 6 agli 12 anni.

Due giornate dedicate allo sport, nella sua accezione più completa: spirito di squadra, attività fisica e cultura del vivere insieme, rese possibili grazie all’impegno e alla passione del Rugby Parabiago, dei volontari, degli amici e dei partner. Fondamentale il supporto dell’Amministrazione Comunale della Città di Parabiago che, da tempo, sostiene il progetto educativo e sportivo che anima il Trofeo del Galletto – Memorial Luciano Marazzini, Presidente storico del sodalizio.

Il programma del torneo prevede un principio fondamentale: tutte le squadre giocheranno lo stesso numero di partite!

Sabato 26 maggio dalle ore 14.00 si darà il via alla fase a gironi che porterà a disputare la semifinale e la finale a partire dalle 18,15. Alle 20.00 si procederà con le premiazioni.

Sempre sabato dalle 19,30 e poi domenica alle 13,30 è previsto l’attesissimo terzo tempo.

Domenica mattina si inizierà a giocare alle 10,00 con la fase a gironi per arrivare, alle 12.30, alle “finali colorate e senza classifica”.

Per tutto il weekend saranno allestiti, presso il centro sportivo, un attrezzato punto ristoro e un’area giochi gonfiabili. Il dj set accompagnerà gli eventi con la vivacità che non può mancare nella tradizione rugbista.

Il weekend sportivo, vuole essere un appuntamento prestigioso per i piccoli giocatori di rugby, ma è anche e soprattutto una giornata dedicata a tutti coloro che vorranno avvicinarsi a uno sport tra i più completi e formativi. Non a caso domenica lo staff del Trofeo del Galletto sarà a disposizione per far scoprire ai bambini nati tra il 2007 e il 2013 il minirugby. Ricordiamo che la prova è gratuita con iscrizione obbligatoria CLICCANDO QUI >>

Ai genitori più dubbiosi ricordiamo che studi e articoli di settore, confermano che il rugby è uno sport tra i più consigliati poiché è uno strumento educativo straordinario che insegna a cadere e a rialzarsi, che nel terzo tempo non ci sono nemici e, soprattutto, che c’è spazio per ogni bambino così, come ricorda Luciano Ravagnani, considerato il padre del giornalismo del rugby: “Il potente sfonda, il piccolo s’infiltra, l’alto salta, il guizzante corre. In una squadra di rugby c’è posto per tutti.