Quantcast

Lilla: Marco Bianchi, “The Wall”

Parla il difensore del Legnano che si aspetta un campionato più duro, dove bisognerà sbagliare il meno possibile ma i lilla possono dire la loro fino in fondo

LEGNANO – Il “Muro invalicabile” nella difesa dei Lilla anche per il prossimo Campionato d’Eccellenza è Marco Bianchi.

Sono contentissimo di aver trovato l’accordo con il Legnano per rimanere e sono sicuro di trovare un’ottima squadra e un gruppo fondamentali per fare un ottimo campionato” dice il forte difensore dell’Ac Legnano.
Dei nuovi arrivati parla bene il giocatore lilla: “Con Amelotti e Berberi ci ho giocato contro, sono due ottimi avversari, ci daranno una grande mano “.
Con Mister Erbetta inizierà una nuova avventura: “Ci ho parlato e poi il 30 luglio inizieremo gli allenamenti: è un ottimo mister, che prepara bene le partite“.
Che campionato sarà?: “Mi aspetto un campionato diverso da quello dell’anno scorso, sicuramente la squadra è stata fatta secondo me ragionando di più, per fare giocare bene la squadra, si sono trovati dei giocatori più funzionali al progetto: il mister ha un’idea di gioco, la squadra è fatta sulla filosofia di gioco, secondo me questo anno possiamo fare veramente bene  per puntare a dove eravamo due anni fa“.
Il girone è però bello tosto: “Abbiamo Varese, Varesina , Busto 81, vedremo chi ripescheranno in D ma intanto anche il Fenegrò si è rafforzato, ha preso Anzano e Scapinello,  è rimasto Pizzini. Secondo me le squadre del girone sono più  forti rispetto all’anno scorso, sarà ancora più difficile, ma siamo competitivi“.
Cosa deve fare allora il Legnano? “Sbagliare il meno possibile, perchè quella cosa ci ha un po’ penalizzato: nello scorso campionato abbbiamo pareggiato con Vigevano e Calvairate, ricordo i risultati di Cassano Magnago e con la Sestese. Quest’anno se incontriamo una squadra sulla carta inferiore, dobbiamo dimostrare che noi siamo più forti sul campo. Con tutto il rispetto per gli avversari,  non possiamo sottovalutare nessuno: non possiamo sbagliare certe gare lasciando punti in giro. Questo sarà molto importante“.

Più informazioni su