Quantcast

L’inossidabile Salvigni ora in campo con l’Oleggio: “Il Legnano sempre nel cuore”

L'ex difensore lilla che segnò il gol decisivo che riportò il Legnano in D, ora è vicino ai 39 anni e gioca ad Oleggio

LEGNANO – Il 5 settembre compie 39 anni, Fabrizio Salvigni difensore centrale dell’Oleggio e indimenticato capitano ed ex allenatore del Legnano.

Il Lilla è sempre nel mio cuore, li ho vissuto tre anni tra i più importanti nella mia carriera di calciatore e non solo. Alla società, ai tifosi faccio perciò l’augurio di tornare al più presto ai livelli che merita l’Ac Legnano. Conosco Mister Erbetta che ho affrontato da avversario, ha già vinto diversi campionati, è molto preparato ed esperto, sicuramente farà bene. Il Legnano è una piazza di prestigio per il calcio italiano, che non ha nulla a che vedere con le categorie attuali, non può dunque non puntare al top e sono certo che ci riuscirà in un campionato d’Eccellenza comunque non semplice per la concorrenza con molte squadre competitive, ma è giusto che è una piazza come Legnano abbia sempre la mentalità di dover lottare per arrivare prima” dice Salvigni.

L’ex giocatore e allenatore lilla è ad Oleggio dall’anno scorso: “A settembre scorso ero stanco di stare a casa, conosco bene l’allenatore Giorgio Dossena, un ottimo allenatore che avevo già avuto alla Sestese, e così ho accettato nella Promozione del Piemonte, questa nuova avventura ad Oleggio: prima ero venuto ad allenarmi,  era più uno svago, non c’era l’intenzione di giocare, poi ad ottobre dopo un mese che mi allenavo, avevano bisogno in rosa, stavo bene e così mi sono fermato, per divertimento e passione per il calcio“.

La passione del campo mi ha richiamato – dice Fabrizio Salvigniqui c’è un contesto molto  di famiglia, tranquillo, con un bravissimo mister e un bellissimo gruppo come ragazzi. La scorsa stagione era andate bene, eravamo arrivati in finale Playoff perdendola dopo un campionato ottimo. Vedrò se questo invece sarà l’ultimo anno da calciatore, poi per divertirmi a provare altri ruoli: la prendo con molta serenità. Faccio il difensore centrale,l’anno scorso  ho giocato davanti alla difesa, ora sono tornato alle origini“.