Legnano alla prova Ferrera Erbognone

Si è ancora in attesa di capire se tutto ok per il transfer dell'ultimo arrivato Simone Fautario

LEGNANO – Terza giornata del campionato d’Eccellenza domani domenica 25 settembre con il Legnano chiamato alla prova Ferrera Erbognone.

Curci è squalificato per un turno, gli altri ragazzi sono tutti disponibili agli ordini di Mister Giampiero Erbetta e in più Simone Fautario, colpo di ieri sera, potrebbe essere della contesa se il transfer della federazione sarà ok.
Passa anche da qui, da Ferrera Erbognone il nostro obiettivo, dal non perdere perdere punti preziosi su questi campi: noi siamo più forti sulla carta di loro, ma quello che voglio che si capisca è che non c’è mai nessuna garanzia automatica di aver già vinto la partita anche se c’è una differenza naturale con l’altra squadra, è indubbio che i 3 punti bisogna guadagnarseli sul campo con un prova convincente” dice Mister Giampiero Erbetta.
Perciò andiamo a fare la nostra partita con il chiaro obiettivo di vincere, consapevoli che non sarà una passeggiata perchè il Ferrera Erbognone è una squadra neopromossa, che ha vinto il campionato di Promozione, che ha al suo interno elementi di esperienza come De Spa, che ha fatto anche la D e giovani interessanti e perciò l’avversario farà di tutto per fare bella figura. Noi se vogliamo perseguire il nostro obiettivo, non dobbiamo lasciarsi sfuggire punti preziosi in queste circostanze“.
L’assenza di Curci squalificato, lascia scoperto il ruolo di sinistro: in ballottaggio a parte l’eventuale impiego di Simone Fautario, come scritto in apertura, ci sono i ragazzi del 2000 Borghi, Arrighi ma anche D’Onofrio e a seconda della valutazione che il Mister farà, tenendo conto delle condizioni dei suoi, dell’avversario, qualche spostamento dovrà essere poi fatto e potrebbe rientrare in gioco anche Trenchev. I giovani stanno dando un contributo importante ma i più esperti dovranno fare da guida per non avere cali di concentrazione: “Abbiamo in squadra giocatori come Nasali, Berberi, Crea, D’Onofrio e altri che hanno già provato a vincere un campionato e perciò sanno come si fa e che soprattutto certi risultati si coronano tramite punti raccolti in partite come queste perchè se è vero che ci sono gli scontri diretti e qui puoi vincere come perdere o pareggiare e la classifica si decide tra 5 o 6 squadre in base anche a questo, la vera differenza la fanno poi i punti non persi in gare che una squadra non può permettersi di perdere. Abbiamo la fortuna di avere dei ragazzi che sanno che il raggiungimento dell’obiettivo che ci sta a cuore, passa obbligatoriamente da tappe come questa dove vogliamo raccogliere tutto quello che ci serve“.