“Mi sto già divertendo”: il DS neroverde Steve Pozzi è pronto per il campionato fotogallery

Sconfitte per 3-1 in amichevole, le Streghe hanno comunque ben figurato

Gobbo Allestimenti Castellanza-Pro Patria 1-3
(19-25; 21-25; 25-21; 15-25)

Gobbo Allestimenti Castellanza: Accoto, Lana, Roatta, Dugoni, Olgiati, Dinzey, Colombo, Magno, Clivio. Allenatore: Ballerini. Assistente allenatore: Zanaria.

CASTELLANZA – Segnali positivi per il Volleyteam Castellanza che perde in casa 3-1 l’amichevole contro la Pro Patria, selezione di Serie C, ma lascia la consapevolezza di avere una squadra compatta e completa in ogni reparto.

Ben orchestrata in palleggio da Accoto e Colombo, che si sono equamente spartite la regia nel corso del match, le neroverdi hanno saputo spesso capitalizzare i palloni più favorevoli, difendendo anche molto bene, con notevoli prodezze delle padrone della seconda linea, Olgiati prima e Dinzey poi.

Ottimo il lavoro delle centrali, Magno e Lana prima, Dugoni poi, sempre attente a muro e veloci nei contrattacchi.

Molto bene anche la fase offensiva delle bande, e la loro disponibilità al sacrificio in difesa, grazie al lavoro di Barone e De Gregorio, ma anche di Clivio (opposto) e Roatta (banda molto duttile, a richiesta gioca anche come opposto).

Insomma, questa sera tutte hanno dato qualcosa alla causa neroverde, tanto che il direttore sportivo, Steve Pozzi, ha voluto rilasciare una sola e laconica dichiarazione, ma molto chiara: “Mi sto già divertendo, e continuerò a farlo”.

Primo set (0-1) – Buon inizio di Castellanza che attacca da subito senza paura, portandosi sul 4-1, con Accoto al pallggio, Clivio opposto, Magno e Lana al centro, Barone e De Gregorio in banda e Olgiati libero, assenti Montalbetti e Landonio.

Le ospiti comunque non si fanno impensierire troppo e recuperano, pur comunque soffrendo: trovano il pareggio sull’8-8 con un ace e da questo momento in poi la Gobbo Allestimenti rimane in svantaggio fino al termine dell’incontro, nonostante ci provi con risposte precise in attacco e ricezioni attente, però le avversarie trovano vari lungolinea taglienti che spiazzano la retroguardia neroverde.

Nel finale le avversarie forzano da servizio mandando fuori due palle, ma trovando comunque la vittoria del primo set.

Secondo set (0-2) – Castellanza torna in campo con in banda Roatta per Barone, e la giovane, proveniente dalla FoCoL Legnano, si mette in mostra con qualche diagonale interessante.

Le ospiti però giocano con grande convinzione, si prendono subito un buon margine di vantaggio (2-6) e scappano poi sul 6-12, nonostante l’impegno neroverde.

Nella fase finale di set entrambe le squadre sbagliano molto, mandando fuori palloni semplici, le une per tentare la rimonta, le altre alla ricerca dell’allungo decisivo.

Castellanza comunque riesce a rimontare (intanto dentro Dugoni per Lana e Colombo per Accoto) fino al 21-23, ma non ha la costanza, e nemmeno la fortuna, per trovare l’1-1, così le avversarie si prendono anche il 2-0.

Terzo set (1-2) – Il terzo set è quello della momentanea svolta, con la Pro Patria che sembra avere una marcia in più nelle fasi iniziali, poi però cala sotto i colpi inarrestabili di Castellanza che rimonta i 5 punti di svantaggio, dal 5-10 al 12-12 e da qui è un “volley Champagne”, come chiosa in tribuna un soddisfatto Steve Pozzi.

Lo stacco definitivo arriva sul 14-14, quando le ragazze di coach Ballerini trovano un break pazzesco che le porta in avanti di 3 lunghezze, mantenuto e incrementato nelle fasi finali di set, con il primo tempo di Dugoni decisivo per il 25-21 definitivo.

Quarto set (1-4) – Svolta però solo momentanea perché, dopo il sofferto terzo parziale, le ospiti non hanno intenzione di mollare la presa, né di finire al tie break, così affrontano il quarto e ultimo set con determinazione, soffrendo solo leggermente nei primi scambi (10-13) ma allungando poi sul 10-18, un gap ormai inestinguibile per le Streghe, che infatti chiudono con 10 punti di svantaggio.