Quantcast

Nazionale, è scontro poco “social” tra Sacchetti e giocatori

Giocatori online sui social durante gli intervalli delle gare della Nazionale?

Più informazioni su

LEGNANO – Che Meo Sacchetti fosse un personaggio carismatico che non le manda a dire, anzi che dice sempre quello che pensa e’ cosa ormai nota nell’ambiente della pallacanestro italiana.

Dopo le polemiche nate sulle assenze di alcuni prospetti NBA per le qualificazioni di settembre con la nazionale, ecco all’orizzonte un altra bega che farà molto discutere in federazione, ossia l’uso dei social.

Non stiamo qui a difendere il C.T. tanto meno a puntare il dito contro i social network che ormai fanno parte della nostra vita quotidiana e con cui bisogna convivere e sapersi adattare.

Ma secondo alcune fonti ben informate nelle partite tra Polonia e Ungheria ci sarebbe stato qualche elemento che, come si suol dire, era online con il proprio smartphone nell’intervallo tra il primo e il secondo tempo. Sacchetti adesso ha chiesto alla Federazione che si faccia chiarezza su questa vicenda,  che in effetti, se venisse accertata la “tracciabilità” online di alcuni giocatori negli intervalli delle partite, non sarebbe proprio il massimo degli esempi da seguire.

Il Commissario Tecnico ha poi rincarato la dose, proponendo di togliere la diaria ai giocatori come una forma di punizione.

Una cosa e’ certa: non e’ proprio un bel periodo per la nazionale italiana. Già all’orizzonte non si vedono talenti su cui costruire una squadra competitiva ai massimi livelli, se adesso ci si aggiungono anche altre problematiche come la mancata presenza dei giocatori NBA come Gallinari e Belinelli e l’uso improprio dei social…

A nostro avviso, come in tutti i settori della nostra vita quotidiana, ci devono essere delle regole e di conseguenza bisogna rispettarle. Magari nello spogliatoio di una squadra ci sono regole “non scritte”, ma questo non vuol dire che non debbano essere rispettate.

In un momento come questo per la pallacanestro italiana, i convocati dovrebbero essere coloco che danno il bell’esempio ai tanti giovani che seguono questo sport. E chi ha la fortuna (e l’onore…) di indossare lamaglia azzurra dovrebbe saperlo…

Più informazioni su