Quantcast

Esordio con vittoria per la Futura Volley Giovani fotogallery

Successo spumeggiante per le Cocche di coach Lucchini

FUTURA VOLLEY GIOVANI-TECNOTEAM ALBESE 3-1
(25-23; 23-25; 25-16; 25-13)

FUTURA VOLLEY GIOVANI: Veneriano (11), Danielli (L), Cialfi (6), Franchi (L, ne), Grippo (ne), Ndoci, Francesconi (ne), Rigon, Salvi (10), Tonello, Rrena (9), Moretto (22), Zingaro (15). Allenatore: Lucchini.

TECNOTEAM ALBESE: Galazzo (5), Facco (7), Citterio (12), Torrese (L), Bonelli, Santamaria (2), Piazza (4), Laffranchi (1), Aliberti (14), Migliorin (12), Amicone (L, ne), Teli (2). Allenatore: Mucciolo.

MVP: Moretto (FVG).

BUSTO ARSIZIO – La Futura Volley Giovani bagna con una netta vittoria l’esordio assoluto in Serie B1, al termine di una partita sofferta nelle fasi iniziali ma dominata negli ultimi due set, grazie ad una squadra compatta e tenace, che ha saputo tenere duro nei momenti difficili, affondando gli artigli nella preda quando questa mostrava il lato debole.

Unico momento in cui qualcosa è andato storto il secondo set, ma è naturale di fronte a una squadra con l’esperienza di Albese lasciarsi alle spalle qualcosa, l’importante è reagire, e questa sera la reazione è arrivata, e anche bella tosta.

Decisivi al termine dell’incontro i muri, ben 18 per la FVG, sette di Salvi e sei di Veneriano, oltre ovviamente alla grande difesa, con il 74% di ricezioni positive di Danielli e il 67% di Zingaro, entrambe sempre molto attente.

Partita poi strepitosa per l’MVP dell’incontro, Sofia Moretto, capace di mettere a terra 22 punti, fra cui un ace e due muri, ed è doveroso sottolineate anche le prestazioni maiuscole di Rrena, Salvi e Cialfi.

PRIMO SET: 1-0 (8-4) (16-14) (25-23)
Inizio scoppiettante da parte di entrambe le squadre, con la FVG che sblocca il risultato grazie a un errore ospite, ma le comasche riescono comunque a portarsi sull’1-3, salvo poi subire la prorompente rimonta delle Cocche che riprendono in mano la partita con un break di 5-0 (9-4), grazie a vari sbagli della Tecnoteam, ma anche per via di un attacco intelligente e ben orchestrato e un muro invalicabile con Salvi, Cialfi e Veneriano.

Veemente la reazione di Albese, trascinata dall’inarrestabile Aliberti, che conduce la rimonta, sebbene le biancorosse remino in gruppo, spinte dai punti di Zingaro e Moretto (17-16), ma non basta, così ancora Aliberti in primo tempo manda le sue sul 17-19.

Finale molto concitato, con le ospiti che recriminano per il punto di Cialfi e per un loro out che considerano toccato dal muro, ma gli arbitri non sono di questo parere e il punteggio recita 22-21. Le ultime battute (dentro Ndoci per Rrena) sono un punto a punto da lasciare senza fiato, e a spuntarla alla fine è proprio la FVG che, grazie alla fucilata di Zingaro dopo due muri di Moretto, si prende con carattere il primo set.

SECONDO SET: 1-1 (8-7) (16-12) (23-25)
La prima parte della seconda frazione vede le Cocche volare sulle ali del muro, non importa chi ci vada, se Moretto, Veneriano, Cialfi, o chiunque altro, il risultato è spesso un punto, quasi sempre un’azione avversaria interrotta (3-0).

Anche Rrena ora si rende pericolosa in attacco, dopo il primo set giocato in maniera importante in chiave difensiva, così la FVG conduce 10-8, per “colpa” del break (4-0) durante il servizio di Citterio, che ha mantenuto alte le speranze comasche.

Incredibile il carattere biancorosso in questa fase della partita: sentendo il fiato sul collo delle avversarie, Moretto si è fatta comandante della fuga, coadiuvata da Salvi (ace) e Veneriano (muro), schiacciando poi a terra lei stessa la diagonale del 15-11.

Il massimo vantaggio della FVG è di 5 punti (17-12), poi Albese ritorna, sospinta, manco a dirlo, dalle fast imperiose di Aliberti, che ricuce leggermente lo svantaggio, avvicinando la propria squadra a due lunghezze dalle padrone di casa, che vanno poi a -1 con il muro di Piazza, pareggiando infine i conti grazie al mani out conquistato da Migliorin.

Le Cocche non mollano e tengono duro ma si vede che accusano il colpo della rimonta subita, mentre Albese è in trance agonistica e non spreca quasi nulla, nonostante Zingaro si riprenda la parità (23-23). Teli, dopo l’ingresso di Tonello per Moretto, trova il set point, subito trasformato.

TERZO SET: 2-1 (8-4) (16-11) (25-16)
Prima fase segnata dalla serie pazzesca di punti per Veneriano, che segna in ogni modo, a muro, in fast, piazza anche un ace, per il 7-4 biancorosso, il suo quinto punto consecutivo, nel mezzo appena un punto segnato da Albese, da Aliberti, poi ci pensa Salvi a murare un altro attacco ospite, e Rrena, dopo una bella pipe, segna anche un lungolinea imprendibile: 9-5.

La Tecnoteam prova a rimanere a galla ma manca lucidità sottorete, così la FVG prova a scappare, inizialmente facendo a tratti un po’ fatica, ma difendendo brillantemente con una retroguardia granitica, capitanata da Danielli e Rrena, cui non sfugge niente. Moretto, ancora Veneriano e Zingaro suonano la carica, mettendo a terra i palloni che mandano le Cocche sul 17-11, marcando il territorio in maniera netta.

Gli ultimi scambi sono praticamente un assolo della Futura Volley, che concede anche qualche punto ma per suoi errori, come i servizi sbagliati da Veneriano e Cialfi, per il resto nulla si può recriminare alle Cocche, abili e prepotenti nel chiudere il set con addirittura 9 lunghezze di vantaggio, firmando un dominio netto sulle avversarie, con Zingaro e Moretto sugli scudi, sempre fondamentali per l’attacco biancorosso.

QUARTO SET: 3-1 (8-5) (16-10) (25-13)
Con la spinta propulsiva del finale di terzo set la FVG comincia il quarto con le stesse intenzioni: dominare. Ci riesce nelle prime battute con l’ace di Zingaro e il punto di Rrena (4-1), poi consolida il vantaggio (7-3) con Cialfi e di Moretto, a questo punto inizia un tira e molla tra le due squadre, che vede le padrone di casa prevalere ma senza dare l’impressione di riuscire ad allungare (10-8).

Qui le Cocche tirano fuori le unghie e graffiano per tre volte consecutivamente, con doppia Moretto e Zingaro, trovando così il +5 che le fa respirare, anche se la fine è ancora lontana (13-8).

Gli ingressi di Bonelli e Laffranchi non danno la svolta sperata alla partita e la FVG continua la propria marcia imperiosa verso la vittoria, con un confortante +8 a fare da cuscinetto fra le biancorosse e la Tecnoteam, che soffre e non riesce a rientrare in partita. L’ace di Cialfi (20-12) taglia letteralmente le gambe alle comasche.

Incapaci di reagire, dato il margine di svantaggio accumulato, le ragazze della Tecnoteam concedono campo alla FVG, che se lo prende senza farsi pregare, segnando cinque punti di fila, chiudendo a +12, con l’ace di Rrena, a suggellare una prestazione maiuscola.