La Ferrari lilla di Mister Erbetta

Una rosa ampia e di qualità il segreto del primato lilla

LEGNANO-Ho a disposizione una Ferrari: se salta qualche aggeggio, ho subito il pezzo di ricambio per continuare la corsa…

La metafora forbita di Mister Giampiero Erbetta in sala stampa al termine della partita vinta con la Sestese (2-1) ieri al Mari descrive bene tutte le potenzialità di questo Ac Legnano, grazie alla Società che ha operato sul mercato con il Direttore Sportivo Maurizio Salese.

Per partire sempre in pole e tagliare “primi” il traguardo di questo campionato d’Eccellenza con il primo gradino del podio che può offrire quella D tanto agognata in questo biennio, la rosa del Legnano è talmente ampia e qualitativa che ogni “pezzo”, ogni pedina tattica è intercambiabile nel telaio del 4-2-3-1 che l’ “Ingegner” Erbetta ha modellato su misura. Un lavoro per la Scuderia lilla importante perchè garantisce continuità di risultati e variabilità di scelte anche all’interno delle stesse partite.

Domenica scorsa Crea era entrato in campo e aveva cambiato la partita, oggi (domenica ndr), è partito dal primo minuto e ha procurato due rigori, segnato due reti, giocando con e per la squadra, mentre è toccato uscire al nostro Capitano Berberi” l’elogio dalla “direzione corse” al “pilota” Crea che ha “guidato” e trascinato i Lilla all’affermazione sulla Sestese dei tanti ex.

Stesso discorso per Grasso che quando è entrato in gara con Giardino hanno fatto cambiare il passo al Legnano, per “spaccare” la partita e distaccare lungo il rettilineo finale di gara il concorrente sestese.

Giocatori come Grasso, Amelotti, Giardino, lo stesso Papasodaro si allenano tutta la settimana ottimamente, poi per l’undici iniziale bisogna fare delle scelte ma con i cinque cambi nel corso di una gara, tutti sono utili e titolari, ingranaggi indispensabili di una squadra che lasciatemelo dire è proprio forte” la chiosa del Mister con la passione per il Cavallino Rampante.