Quantcast

Legnano-Castellanzese, il derby è servito

La partita di cartello alle 15.30 per decidere chi sarà primo in classifica al termine dei 90 minuti

LEGNANO– Nel giorno di Inter-Milan, domani c’è un altro derby che terrà con il fiato sospeso i tifosi di Legnano e Castellanzese, perchè allo stadio Giovanni Mari va in scena l’inedito scontro al vertice per il primo posto del girone A del Campionato d’Eccellenza. E’ una partita da non perdersi e di sicuro divertente, che mette di fronte le due squadre migliori al momento, dopo il gran lavoro societario fatto in estate dai rispettivi Presidenti, Giovanni Munafò e Alberto Affetti, tra l’altro anche tifoso dei Lilla…

Ci manca qualche giocatore (Berberi e Foglio squalificati ndr), ma non ci sono giustificazioni, perchè con l’organico che abbiamo a disposizione, in campo ci va sempre una squadra competitiva, con tutti i giocatori che sanno sempre farsi trovare pronti e cosa fare quando sono chiamati in causa ad inizio o a partita in corso” avverte Mister Giampiero,  Erbetta, che probabilmente farà accomodare in panchina perchè non ancora al meglio, Nasali e D’Onofrio.

Domani la Castellanzese, domenica prossima il Busto 81 fuori poi il Varese in casa da noi il 4 novembre, è un tour interessante. Anche se non ci saranno alcuni giocatori, credo che faremo una buona gara, la squadra ha lavorato come sempre sodo in settimana e siamo consapevoli di affrontare una squadra valida, che a me non ha sorpreso perchè ne conosco e apprezzo sinceramente il valore e al suo interno ci sono anche giocatori che quest’estate ci erano interessati per il mercato. Anzi non dobbiamo dimenticarci che se la Castellanzese non fosse stata raggiunta sul pari al 93′ dalla Varesina su rigore e in una partita di recupero giocata in trasferta, sarebbe prima anche a punteggio pieno…“.

La partita sarà bella anche per lo spettacolo sugli spalti: “Ci sarà un pubblico all’altezza della sfida, con anche i tifosi ospiti che vivono in una città confinante con la nostra“.

Il Legnano punta anche sulla qualità dei suoi giovani: “Hanno fatto assolutamente bene e dobbiamo essere orgogliosi di questo dal momento che siamo una squadra che ne ha fatti esordire ben sei tra 2000 e 2001, mentre le altre squadre di solito si limitano a due o tre. Questo significa che si è lavorato bene con il nostro settore giovanile, avendo pescato bene dalla nostra juniores. Questi ragazzi si sono integrati bene nella prima squadra, sono stati accolti bene dagli over e mi seguono bene negli allenamenti, lavorando con attenzione in quello che viene richiesto loro“.