Quantcast

Maiocco, “c’è solo un Capitano, c’è solo un Capitano…” foto

Un'emozione indescrivibile l'omaggio di dirigenza e tifosi dell'Axpo Legnano Knight all'ex giocatore ora a Saronno

SARONNO (VA) – E’ stato emozionante il pre-gara del Legnano Knights con Scafati con l’omaggio di tutto il PalaBorsani a Federico Maiocco, il Capitano che dopo 6 anni ha lasciato la squadra per la nuova avventura a Saronno.

Una targa della Società del Presidente Marco Tajana e del Direttore Sportivo Maurizio Basilico, un quadro con la sua effige da parte dei tifosi “Forgiati“, l’applauso caloroso e l’abbraccio ideale di tutti i tifosi legnanesi della pallacanestro che hanno voluto salutare con affetto e riconoscenza un simbolo della squadra legnanese che ha scritto pagine di storia importante a Legnano.

Dice Federico Maiocco: “E’ stato bello, mi ha fatto estremamente piacere questa festa: ricevere un riconoscimento pubblico oltre tutte quelle attestazioni di stima che avevo ricevuto in privato rispetto alla mia esperienza legnanese, è una cosa  che mi emoziona ancora. Sono queste le cose belle,che rimangono di più e fissano momenti bellissimi, indelebili, con tutti coloro che  hanno reso possibile questa storia sportiva indimenticabile, grazie agli sforzi di tutti“.

Maiocco intanto ora si occupa in un’azienda di famiglia del lavoro quotidianamente richiesto, ma il basket resta sempre la sua grande passione sportiva.

A Saronno si sta trovando molto bene: “La società è di  alti livelli, ha tanti anni di esperienza, come sto vedendo il campionato di C Gold specie da noi è competitivo, sono tante le squadre  ben organizzate, con giocatori  anche di un passato importante che fanno  di questa attività quella preponderante. Quando in queste categorie ti ritrovi in campo questi tipi di giocatori, allenati  in una certa maniera, si affronta di sicuro un bel campionato competitivo nei due gironi. Il nostro obiettivo è quello di fare il meglio possibile. Questo è un campionato molto lungo, dinamico come organizzazione e dalle mille sfaccettature. Puntiamo come Saronno a un campionato di vertice, buono negli esiti e pure a divertirci giocando a basket. Ho trovato a Saronno amici nuovi, sono stato accolto bene da  tutti i ragazzi e devo dire che è molto piacevole condividere con loro questa mia esperienza con la nuova maglia“.

(foto www.legnanobasket.it)