Arluno, portiere schiaffeggia l’arbitro, 5 anni di squalifica

E' accaduto in una gara di Serie D di calcio a 5 tra Atletico Arluno e Futsei Milano

Più informazioni su

ARLUNO (MI) – E’ costato caro lo schiaffo che un portiere di calcio a 5 ha dato all’arbitro durante una gara del campionato di Serie D.

E’ successo lo scorso 9 novembre ad Arluno durante la gara tra i padroni di casa dell’Atletico ed il Futsei Milano.

Al 31’ del secondo tempo il portiere dell’Atletico, come si legge nella sentenza del Giudice Sportivochiedeva di porre termine anticipatamente alla gara; avutane risposta negativa, in quanto mancava ancora un minuto di recupero, protestava venendo ammonito. Invitato a tornare in porta dai suoi stessi compagni indietreggiava allontanandosi ma poi, facendosi largo tra i presenti, tornava verso il direttore di gara e lo colpiva all’altezza dell’orecchio sinistro con un violento schiaffo a mano aperta da distanza ravvicinata”.

La vicenda si è poi conclusa con sospensione della partita ed arbitro portato in ambulanza al Pronto soccorso di Busto Arsizio, dove veniva poi dimesso con una prognosi di 20 giorni.

La sentenza del Giudice Sportivo è stata giustamente pesante: il portiere dell’Atletico Arluno è stato infatti squalificato per cinque anni, durante i quali non potrà partecipare a qualunque titolo alle attività sportive federali.
Anche la società di Arluno ha dovuto pagarne le conseguenze, subendo la squalifica della gara a tavolino, una sanzione di 500 euro ed obbligo di organizzare una riunione con i propri tesserati in cui illustrare il Codice di comportamento sportivo del Coni, nonché l’articolo uno bis del Codice di giustizia sportiva della Figc.

In un comunicato apparso sabato 17 novembre sulla propria pagina Facebook, la Polisportiva Atletico Arluno ASDa nome di tutti gli associati, si sente in dovere di porgere innanzitutto le più sentite scuse all’arbitro dell’incontro per i fatti avvenuti, come anticipato al termine dell’incontro. Le scuse sono ovviamente estese alla squadra avversaria Futsei Milano, al pubblico presente all’incontro, all’AIA tutta, al Comitato ed alla Lega per il comportamento del nostro tesserato P.S., dai cui gesti ci dissociamo completamente.

Si ribadisce, come già comunicato alla LND ed agli organi di stampa, – continua il comunicato – che tali atteggiamenti non appartengono ai principi statuari della Polisportiva Atletico Arluno ASD né ai valori promossi dalla stessa fina dalla sua costituzione. Si precisa infine che, come previsto dall’art. 6 comma c dello Statuto, è in corso la procedura di radiazione nei confronti del soggetto coinvolto per condotta disonorevole.”

(foto pagina Facebook ASD Atletico Arluno C5)

Più informazioni su