Quantcast

“Non mi posso ancora sbilanciare” foto

Coach Lucchini tiene a freno l'entusiasmo nonostante l'ottimo avvio di campionato

BUSTO ARSIZIO – “Il massimo dell’entusiasmo che per ora posso dimostrare è la gioia per le cinque vittorie in cinque partite” Esordisce così Matteo Lucchini, coach della Futura Volley Giovani capolista a punteggio pieno in Serie B1, rimanendo con i piedi ben piantati per terra.

Il campionato di quest’anno è uno dei più competitivi che io ricordi – continua – ci sono numerose formazioni molto quotate, fra cui anche Torino, che alla lunga di sicuro uscirà e si toglierà le sue soddisfazioni. Certo alla fine abbiamo rimontato lo svantaggio e sono felice, ma non mi posso assolutamente sbilanciare, bisogna sempre cercare di migliorare e studiare attentamente gli avversari. Oggi sapevo che avremmo sofferto il loro servizio, l’ho detto alle ragazze, e infatti è stata la partita fino a qui in cui abbiamo sofferto maggiormente in ricezione“.

Tengo a sottolineare – continua Lucchini – che il calendario ci ha posto di fronte alle squadre più forti in casa nel girone di andata, per cui al ritorno saranno tutte in trasferta, e sarà molto dura. Un vero bilancio probabilmente lo potremo fare solo dopo Natale“.

Della stessa idea Martina Veneriano, autrice di 10 punti contro Torino: “Non possiamo sapere adesso dove saremo alla fine della stagione, è troppo presto, bisogna lavorare tanto per migliorarci sempre di più. Oggi abbiamo vinto ancora e quindi siamo contente, ma il campionato è lungo e solo all’ultima giornata sapremo se avremo lavorato bene“.

Comprensibilmente scuro in viso l’allenatore ospite, Dimartino: “Sono stanco dei complimenti – dice subito – capita sempre più spesso di giocare bene, di rischiare di vincere qualche set, per poi non raccogliere nulla di quanto seminato. Oggi posso dirmi contento della prima metà dei set, dove abbiamo giocato obiettivamente bene, riuscendo a imporre a tratti il nostro gioco su una squadra molto forte, ma alla fine ci siamo spenti, subendo poi la rimonta nel finale del terzo parziale, quando abbiamo staccato la spina, buttandolo via noi“.

Non so cosa sia successo – parole della palleggiatrice ospite Alessandra Dall’Aradobbiamo capire cosa ci sia capitato, perché alla fine abbiamo mollato. Anche prima abbiamo giocato bene, per poi spegnerci, dobbiamo riflettere su queste cose e capire come reagire per migliorare“.