Uyba: buona la prima in Cev Cup fotogallery

Le biancorosse rischiano ma alla fine battono le tedesche del Dresdner

BUSTO ARSIZIO – Al termine di una partita combattuta l’Uyba la spunta contro Dresda al tie-break, dopo essere passata in vantaggio 2-1. Sfida dalla doppia faccia, con le due squadre che si sono divise equamente i set, senza che nessuna delle due abbia mai mostrato di poter ammazzare la partita.

Decisiva la prestazione imponente di Herbots, autrice di 21 punti, seguita dal 17 di Gennari e dai 12 di Piani, il cui ingresso al posto di Grobelna ha decisamente cambiato le carte in tavola. Molto importante anche l’apporto a muro di Botezat e Berti (3 e 4 interventi a testa).

Le ospiti si sono fatte pericolose con Stigrot Planinsec, 21 punti a testa, ma non hanno saputo mantenere costanza nell’arco della partita, calando d’intensità quando sarebbe stato il momento di ferire di più l’avversario.

La cronaca:
Grande equilibrio fra le due squadre fin dalle prime battute con le due squadre che si rincorrono punto a punto: il primo strappo è dell’Uyba che trova il +2 sul 7-5 di Grobelna, poi viene fuori Dresda grazie ai colpi di Planinsec, 9-10 e tedesche per la prima volta in vantaggio.

Le due compagini fanno un po’ di tiramolla poi l’Uyba trova la quadratura e riesce a piazzare un buon break che vale il +3 dopo l’ace di Botezat, Waibl chiama time out ma le tedesche tornano in campo ancora un po’ spaesate e Orro segna il 20-16 di prima intenzione. Le grintose ospiti rosicchiano qualcosa (21-19) ma non hanno l’intensità di gioco giusta per completare il recupero, a parte Planinsec, l’unica volenterosa. Le biancorosse ringraziano e si prendono il primo set con il mani out di Herbots (4 pt nel parziale, come Gennari).

Con Schwabe in campo al posto di Radosova nel secondo set cambia la musica in casa tedesca e l’Uyba soffre: un break letale di 5 punti manda le tedesche prima sul 3-8, che si trasforma nel giro di poco in 4-11 coi punti di Mrdak, per le biancorosse solo Herbots ci prova con costanza.

Discreta reazione delle farfalle che passano da -7 a -4 con Gennari e Herbots ma continuano a soffrire l’opposto avversario Stigrot. Il baluardo offensivo tedesco guida la carica e non ce n’è per nessuno: 13-19. L’ingresso di Piani per Grobelna vivacizza il gioco (18-20), le tedesche sono prese in contropiede e rallentano il gioco, mentre Piani macina punti e Berti piazza muro e fast (23-23), per un fine set di fuoco che premia Dresda con punto di Mrdak al termine di un’azione rocambolesca.

Anche il terzo parziale comincia all’insegna della stabilità, nessuna delle due squadre brilla per il gioco spumeggiante, Dresda però non trova più in Stigrot la cecchina letale del secondo set e si deve “accontentare” di Planinsec (5 punti nel set), che però non garantisce la verve offensiva della compagna, così biancorosse avanti 11-8. Le tedesche hanno un grande carattere e in poche azioni sono di nuovo in vantaggio (12-13) con ace proprio della centrale slovena.

Una Piani particolarmente ispirata, il doppio muro di Berti e l’ace di Botezat proiettano l’Uyba sul 19-15, biancorosse brave a sfruttare lo stallo ospite, Dresda reagisce subito con l’ace di Von Romer e punto di Segura (21-19), accorciando poi ulteriormente a una sola lunghezza dalla squadra di Mencarelli. Negli ultimi scambi Dresda sbaglia con l’out di Stigrot, poi subisce il muro di Botezat e Herbots chiude i giochi.

Dresda fatica, Waibl inserisce Radosova per Segura, ma l’unica pericolosa è Stigrot, ritornata in formato secondo set, l’Uyba invece prosegue nel suo incedere non particolarmente prepotente ma comunque costante e fa 8-5 con Berti. Gennari sale in cattedra con l’ace del 13-8 dopo il mani out preso da Herbots, le ospiti faticano, il muro funziona a corrente alternata e subiscono.

Con Meijners in battuta le biancorosse allungano sul 19-9 grazie a una super Herbots e al solido muro di Botezat, ma Dresda non ci sta e con Segura, rientrata in campo, e Schwabe ricuce parzialmente lo svantaggio (20-17), poi il doppio muro di Planinsec e un altro punto di Schwabe pareggiano 21-21. Mencarelli rimette Grobelna per Piani ma le ospiti ormai sono lanciate in trance agonistica, l’Uyba sbatte contro il muro (6 totali nel set) e  lascia che Dresda completi la rimonta, prolungando la partita al tie break.

Parte forte l’Uyba nel quinto set, senza nemmeno lasciare alle ospiti il tempo di pensare va subito sul 7-4, con la spinta dei primi tempi di Botezat. Stigrot e Segura provano a riportare la squadra in carreggiata (9-8) ma Gennari non ci sta e sigla da sola il +3. Le ospiti sono costrette a forzare ma sbagliano e Berti non perdona in fast: 15-10.

UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO-DRESDNER SC 3-2
(25-21; 24-26; 25-22; 23-25; 15-10)

UYBA: Piani 12, Peruzzo, Herbots 21, Grobelna 3, Gennari 17, Cumino ne, Orro 4, Leonardi (L), Bonifacio ne, Meijners, Berti 12, Botezat 13. Allenatore: Mencarelli. Secondo allenatore: Musso.

DRESDNER SC: Benson (L), Von Romer 1, Petter (L, ne), Wezorke ne, Mollers, Stigrot 21, Maase ne, Korhonen ne, Segura 14, Radosova 2, Mrdak 14, Schwabe 9, Weitzel ne, Planinsec 21. Allenatore: Waibl. Secondo allenatore: Paleszniak.

ARBITRI: Partiainen-Grabovsky.

Note
UYBA: 6 ace, 14 errori in battuta, 42% in ricezione (17% perfetta), 40 % in attacco, 11 muri.

DRESDNER SC: 10 ace, 16 errori in battuta, 41% in ricezione (12% perfetta), 40% in attacco, 11 muri.