Quantcast

Altro tonfo casalingo per Castellanza fotogallery

Troppi errori condannano le Streghe nonostante a tratti abbiano dominato

CASTELLANZA – Terza sconfitta stagionale per la Gobbo Allestimenti Castellanza, terza in casa, seconda al tie-break. Mentre per le prime due c’erano le attenuanti dell’esordio in campionato, alla prima giornata contro Cassano Magnago, poi dello scontro diretto contro la Futura Volley Giovani, nel cui organico figurano atlete che scendono in campo anche con la prima squadra in B1, questa volta contro la MyVolley Cisliano non c’è scusa che tenga, sono state le neroverdi a cedere il passo a un avversario che, dopo il terzo set, sarebbe stato da annientare definitivamente.

E’ dunque mancata la cattiveria necessaria per chiudere il match sul 3-1 in proprio favore, dopo che il terzo set si è concluso con un vantaggio di arritittura 12 lunghezze rispetto alle ospiti, invece le Streghe sono calate d’intensità, sbagliando troppo in ricezione e regalando così prima il 2-2, poi addirittura la vittoria finale ad un team a tratti sbarazzino ma sicuramente non impossibile da battere.

Non ci siamo, abbiamo sbagliato troppo, errori su errori in ricezione, così come le nostre ospiti, ma alla fine siamo calati troppo“. Deluso e amareggiato, il DS neroverde Steve Pozzi ha così commentato al termine della gara l’incontro appena perso dalla sua squadra, senza voler aggiungere altro.

GOBBO ALLESTIMENTI CASTELLANZA-FAST MAN SERVICE MYVOLLEY 2-3
(18-25; 25-20; 25-13; 14-25; 9-15)

Le neroverdi partono con il piede sbagliato nel primo set consentendo subito alle avversarie di portarsi sul 2-6, poi riescono a rientrare sul 7-8, sfruttando soprattutto errori delle ospiti che però riescono a regolarsi. Castellanza fatica in ricezione, orchestra spesso buone azioni ma soffre il servizio avversario, mentre la Myvolley avanza con una battuta precisa e attacchi sempre puntuali, così senza fatica mette in cassaforte il parziale con 7 punti di vantaggio.

Alla ripresa le Streghe giocano con tutt’altro carattere, faticando nelle fasi iniziali e soffrendo la grande verve offensiva di Cimmino (5-8), poi Roatta a servizio lancia la rincorsa che culmina nel sorpasso di De Gregorio, che vive un’ottima fase centrale (16-14). A questo punto si scatena Barone che nobilita la propria prestazione con ben cinque ace durante il suo turno al servizio e garantisce l’1-1 alla sua squadra.

Nel terzo set non c’è praticamente storia, già l’inizio con Dugoni è di marca neroverde (5-2), poi Barone mette a terra altri due servizi e sul 7-5 sale in cattedra Roatta che con sei ace fa praticamente da sola 16-5. Nella girandola di ace iscrivono il proprio nome sul tabellino anche Accoto e Magno, per le avversarie la solita Cimmino da sola non riesce a fare la differenza e Barone chiude i conti sul 25-13.

La quarta frazione si apre con un altro ace, di Accoto, facendo presumere che, dopo l’epilogo catastrofico del set precedente, il morale della Myvolley sia a terra, ma le biancorosse reagiscono con impetuosità facendo subito 1-6 e senza mai lasciare campo alle Streghe, bloccate e senza mordente. Qualche rivoluzione dalla panchina, con gli ingressi di Landonio, Clivio e Dinzey, senza i risultati sperati, e si va al tie-break, il tabellone segnapunti recita impietosamente 14-25.

Avvio di quinto set positivo con De Gregorio (3-1), ma le neroverdi si spengono subito anche se Barone riesce a segnare il 6-5, poi le ospiti contrattaccano con Ruvioli (6-8) a da qui in poi la strada è in discesa, fino alla conquista di set e match.

Fipav Lombardia