Quantcast

Mazzetti vs Ferrari, il derby dell’Amicizia

Domenica si ritroveranno di fronte per la prima volta da avversari due grandi amici

LEGNANO – Domenica 2 dicembre si ritroveranno di fronte per la prima volta da avversari due grandi amici grazie al basket, perchè nella rivalità non si dimentica mai il valore più importante dello sport nonostante ci sia poi un vincente e uno sconfitto.

E’ una bella storia sportiva quella di Alberto Mazzetti e di Mattia Ferrari, oggi rispettivamente sulle panchina di Legnano e Casale che abbiamo sentito alla vigilia della gara che si vedrà di fronte domenica alle 18.00 al PalaBorsani.

Ritrovare Mattia anzitutto è un po’ da parte mia una cosa strana – spiega Mazzettiperchè fino a qualche mese fa eravamo compagni di staff in questa avventura a Legnano, cosa che abbiamo fatto per cinque anni. Abbiamo condiviso tantissime gioie e un lavoro piacevole e quindi per me ora è un’altra emozione questa, come la mia prima partita di esordio e incontrare colleghi che prima vedevo solo in televisione e con ruolo diverso. Ora sicuramente c’è molta emozione, ma farò di tutto da avversario per le mie competenze di tecnico, per poter trasmettere alla squadra in questa partita tosta, le conoscenze necessarie per un risultato positivo, Questo per ripagare con una moneta positiva ciò che Mattia da capo allenatore mi ha trasmesso, cercando in questa partita di metterlo il più possibile in difficoltà“.

Capita che ci sentiamo, se devo essere onesto non abbiamo mai parlato della gara, ma del fatto che ci incontriamo. L’amicizia è un valore importante grazie al basket, abbiamo un vissuto, cinque anni a un livello altissimo. Ho sempre considerato tutti i giocatori e allenatori compresi come Massimo Corrado e come lo stesso Mattia non come compagni di lavoro, ma come un pezzettino di me. Il mio lavoro è anche passione, chi lavoro con me con la stessa passione, condivide il mio stesso mondo“, conclude il Coach legnanese.

Tornare a Legnano è sempre un grande piacere – ci dice Coach Mattia Ferrarientrare nel palazzetto sarà una grande emozione perché è un posto dove mi ha visto passare momenti molto importanti della mia carriera ed è sicuramente bello giocare contro Alberto perché Alberto oltre che un ottimo assistente, è un bravissimo professionista, è una persona che in 5 anni è stata molto importante in tutto il lavoro, che ha permesso a Legnano di fare tutti i risultati che ci hanno contraddistinto“.