Quantcast

La Folgore non guarda in faccia nessuno risultati

Un autogol e Moretta condannano Garantola

TRADATE (VA) – Domenica 27 gennaio, a Tradate va in scena la terza giornata del girone di ritorno del campionato di prima categoria. Una sfida ricca di nostalgia e suggestioni, l’ex mister Garantola ospita i Legnanesi in un match caratterizzato da una surreale coltre bianca. Il Tradate con l’obiettivo di restare aggrappato al trenino dei play-off e la Folgore con quello di mantenere la vetta della classifica.

Mister Colombo cambia solo un interprete dalla settimana precedente, il solito 3-5-2 con Bertuola in porta, trio difensivo con Monti, Re e Cattaneo, fasce presidiate da Castellotti e Panozzo, centrocampo con Moretta, Russo e Colombo F. e coppia d’attacco formata da Bertola e Gazzardi. Subentrano a partita in corso Ciocia, Catalano, Ristori e Scandroglio. A disposizione Colombo A., Gadda, Chiodini, Gagliardi e Brun.

Fischio d’inizio alle 14.30 e terreno di gioco in condizioni estreme, complice una nevicata piuttosto consistente. La Folgore approccia sicuramente meglio e si impone sul match costruendo subito alcune azioni pericolose. Ad aprire le danze sono due conclusioni mancine, il primo a sfiorare il vantaggio è Moretta con un’elegante acrobazia, poi è Gazzardi con un tiro da fuori che non trova lo specchio della porta.

Il primo tempo si appiattisce sul risultato di 0-0 e le squadre dimostrano più desiderio di non subire che intraprendenza offensiva. Il fischio d’inizio della seconda frazione di gioco regala una scena incredibile, doppio retropassaggio verso il portiere bianco-blu e liscio clamoroso, la Folgore si ritrova in vantaggio senza avere toccato il pallone. L’autogol del Tradate cambia completamente l’inerzia della partita, i padroni di casa si ritrovano a dover inseguire, gli ospiti ripartono in contropiede e si rendono pericolosi.

Moretta colpisce una traversa con un preciso colpo di testa e Gazzardi si addormenta a porta sguarnita dopo aver saltato il portiere. Proprio quando la partita iniziava a sembrare stregata per i grigio-rossi cambia nuovamente il parziale, verso la metà della seconda frazione di gioco Gazzardi pesca Moretta sul secondo palo e il numero dieci della Folgore spara un missile volante da posizione ravvicinata, 0-2.

Gli ultimi minuti si giocano su un terreno di gioco ai limiti della praticabilità, partita spezzettata, tanti cambi e diverse interruzioni di gioco. Dopo quattro minuti di recupero arriva il triplice fischio, una Folgore concreta vince la partita senza mai dare l’impressione di essere in difficoltà, tre punti fondamentali per i legnanesi. La squadra di mister Colombo mantiene la vetta della classifica sotto gli occhi di numerosi tifosi, compresi gli indisponibili Corizzo, Favareto e Maggio, reduce da una delicata operazione chirurgica alla bocca.

Domanda per Moretta, autore del raddoppio: Primo gol su azione dall’inizio della stagione, nelle ultime due partite hai avuto più occasioni da gol in movimento rispetto al resto dell’anno. Da che cosa è dipeso questo cambiamento? E come si vince una partita alla quale arrivi da capolista per la prima volta, sulla neve, sbloccata in modo rocambolesco?.

Risponde così il fantasista della Folgore: “In primo luogo mi sta aiutando il modo di giocare che abbiamo, un po’ più di palleggio rispetto a qualche tempo fa. Inoltre, la mia condizione fisica è migliorata e ho sicuramente più energie per buttarmi in area. Invece per quanto riguarda la vittoria di conferma del primo posto, dico che le partite si vincono con la difesa. Il campionato italiano di serie A ce l’ha insegnato, inizia a non prendere gol che qualcosa succede. Abbiamo la miglior difesa del campionato e, gli episodi, quando non prendi gol, a quel punto ti aiutano”.

Appuntamento a domenica prossima, quarta giornata del girone di ritorno. Match casalingo di cartello, arriva il CAS di Sacconago.