Quantcast

SANGIO, a Domodossola il nuovo anno inizia col botto

Il coach: "Adesso dobbiamo vedere quanto abbiamo imparato perché il ritorno sarà un altro campionato. "

SAN GIORGIO SU LEGNANO –  Ecco le interviste dopo l’impresa di domenica

Assistente coach Silvano Picarelli: “Sicuramente di questa partita, dobbiamo portare via solo il risultato preso all’ultimo tiro. Era importante non lasciare qui due punti perché valevano triplo, visto la loro situazione di classifica. Su questo girone di andata se ci avessero detto che avremmo avuto 18 punti dopo la prima parte di campionato, ci avremmo messo la firma, anche se un pizzico di rammarico c’è visto che 4 delle 6 sconfitte subite, le abbiamo lasciate proprio all’ultimo. Oggi l’atteggiamento di inizio partita con 33 punti subiti nel primo quarto non è stato dei migliori, ma siamo stati bravi a ribaltarla. La stagione è ancora lunga. Ora dobbiamo resettare tutto e ricominciare da Montecatini.”

Il coach Daniele Quilici: “Prima di tutto ci sono gli avversari. È vero che uno guarda la classifica, ma questa è una squadra che nelle ultime cinque uscite se l’é giocata. Gli é scappata la vittoria con Vigevano dopo due supplementari e non credo che noi abbiamo una forza così superiore a Vigevano. È sicuramente una squadra che ha problemi, che però lotta ed ha talento per stare in campo. Ci abbiamo messo un tempo e mezzo per capire da che parte guardare la partita, però una volta concesso loro tutto questo ritmo, tutta questa energia, siamo stati bravi a non perdere il filo del discorso. I vantaggi di Domo sono stati molto stretti nel secondo tempo, poi negli ultimi tre minuti abbiamo gestito bene e forse con il canestro di Toso avremmo potuto gestire con più tranquillità il finale. Nonostante questo siamo stati bravi a gestire gli ultimi possessi sia in attacco che in difesa. In questo girone di andata abbiamo fatto tanta esperienza. Siamo una squadra giovane che deve ancora imparare molto, anche a come affrontare e gestire una trasferta di questo tipo, dando continuità al lavoro. Finora il bilancio è più che positivo ed i 18 punti in classifica non erano prevedibili all’inizio della stagione. In campo però le prestazioni sono sempre venute ed i risultati ce li siamo guadagnati. Adesso dobbiamo vedere quanto abbiamo imparato perché il ritorno sarà un altro campionato. “