Quantcast

Veliero lilla al giro di boa per il vento in poppa

Mister Fiorito: "Ciò che è stato il girone d'andata, dobbiamo scordarcelo"

LEGNANO – Il veliero Lilla al giro di boa vuol prendere il giusto slancio, perchè il traguardo finale della D è da raggiungere dritti dritti tra le burrasche e le tempeste di un campionato d’Eccellenza sempre insidioso. Anche domani al Mari, occorrerà stare attenti agli “scogli” che disseminerà un’agguerrita Castanese.

Nella ‘ciurma lilla”, Mister Fiorito nei panni di “Ammiraglio” che deve trascinare verso questa impresa, dovrà fare a meno di Balconi, Mazzini e Nasali, ma tutti gli uomini a disposizione sono pronti a gettarsi nel “fuoco” per la prima delle battaglie che possono portare tutto l’equipaggio della nave lilla nella storia di un approdo glorioso per gli annali del calcio cittadino…

Sono tutte gare complicate e difficili quelle che ci aspettano – ribadisce Mister Fiorito – a cominciare da quella con la Castanese. Tutte richiedono più concentrazione, più attenzione e questo perchè quasi tutte le squadre si sono rafforzate sul mercato, prendendo giocatori funzionali al loro modo di giocare“.

Detto chiaro e tondo “ciò che è stato il girone d’andata, dobbiamo scordarcelo, pensare al presente di una gara complicata, dura. Non sarà facile però noi dobbiamo provare in tutti modi e a tutti i costi a fare risultato pieno perchè se vogliamo sperare di raggiungere il nostro obiettivo e continuare quella striscia positiva che ci ha contraddistinto nelle ultime giornate delll’andata, per prima cosa sicuramente dobbiamo dare continuità e qualità a ciò che facciamo in campo“.

Anche perchè dice Mister Fiorito: “Dall’altra parte del campo non troveremo una squadra a dirci ‘prego accomodatevi’. Psicologicamente il fatto di non giocare da tanto, quasi un mese e la posta in palio, sono due cose che vanno pari passo. Sotto l’ aspetto mentale bisogna riprendere a giocare con una certa cattiveria agonistica. Ci sono 3 punti in palio, non è facile attaccare subito la spina e ripartire, non è come accendere la luce. Dopo i primi 10/ 15 minuti di studio al massimo, domani già dovrà essere dimenticato questo mese di fermo e ripartire da quello che abbiamo fatto di buono nella gara con il Cassano. Dovremo cercare a livello tattico di trovare subito giuste geometrie e distanze: dopo che ci si è allenati, in una gara ufficiale si può avere l’occhio della situazione e della condizione fisica, mentale e tattica“.

[matches league_id=5 mode=]

[standings league_id=5 template=extend logo=false]