Quantcast

Il decisivo mese di febbraio dei Lilla

Il tecnico lilla Giuseppe Fiorito: "A febbraio ci aspetta un cammino importante"

LEGNANO – E’ un importante mese di febbraio quello dei Lilla di Mister Fiorito che si stanno allenando in via Parma per la partita di domenica a Sesto Calende, dopo il rinvio per neve di quella con l’Alcione che sarà recuperata il 27 febbraio in notturna.

Il mese di febbraio – commenta Mister Fioritoci vede fare un cammino sicuramente importante da qui in avanti: al di là chi affrontiamo, saranno tutte gare molto determinanti per la classifica finale perchè i punti diventano sempre meno, le squadre che affrontiamo sono sicuramente ostiche perchè o impegnate a lottare per uscire dalla zona brutta dei playout o per lottare per entrare nei playoff. Saranno tutte squadre molto agguerrite, cariche e determinate con qualità: noi però prima di tutto dobbiamo pensare specialmente a noi stessi, arrivare con meno infortunati possibili in queste gare e soprattutto continuare ad avere quella serenità e tranquillità che finora ci ha contraddistinto in queste gare senza tralasciare l’ aspetto tecnico e tattico che va di pari passo“.

L’Eccellenza – osserva puntualmente il Mister del Legnanonegli ultimi dieci o quindici anni si è molto evoluta: anche nel calcio dilettantistico con la televisione, internet e le conoscenze tecnologiche tutti si sono potuti documentare e studiare e preparare per affrontare le gare e specialmente preparare bene gli allenamenti. Quindi di squadre disorganizzate non le troveremo neanche una, specie in questa categoria: in qualsiasi gara troveremo squadre organizzate, giocatori validi e giovani interessanti. Per avere la supremazia su queste squadre primo occorre essere più organizzati o come loro, secondo non trascurare la qualità fisica e la preparazione fisica davvero importante nel calcio di oggi e terzo preparare le gare bene nei dettagli, dalle palle inattive al conoscere l’avversario e al determinare con tutti i giocatori le giocate e la miglior strategia per avere poi ragione in partita. Alla fine bisogna tirare tutti gli episodi dalla propria parte, questo può essere determinate per il risultato“.

Allenare è diventato un lavoro nel lavoro ad alti livelli e non basta più solo la passione: “Con una certa qualità devi essere professionista, altrimenti dipendi dal fato e non va bene. Dal martedì si inizia a preparare una gara, sicuramente non ci si prepara in un solo allenamento, è tutto un percorso per entrare nei dettagli chiave di un incontro che dura tutto una bella settimana di lavoro con i ragazzi“.