Quantcast

Ad Arese il cuore pulsante dell’Alfa Romeo Racing

Non lontano da Legnano un luogo quasi sacro per i motori italiani

LEGNANO – In un mondo dominato dal dio Denaro c’è ancora spazio per i sentimenti, per questo abbiamo deciso di seguire l’Alfa Romeo Racing nelle sue vicende in Formula 1, perché il suo cuore, senza tanti preamboli, batte ancora in quel piccolo angolo in provincia di Milano chiamato Arese, a pochi chilometri da Legnano: basta varcare le porte del Museo per sentire nell’aria il profumo di una passione speciale.

Nata nel 1910 come Anonima Lombarda Fabbrica Automobili, poi acquisita da Nicola Romeo nel 1918, prendendo quindi il nome attuale, l’Alfa ha avuto a partire dal 1963 fino al 2005 il suo centro nevralgico ad Arese, dove la sua fabbrica sfornava ogni giorno vetture destinate a diventare storiche.

Già lo scorso anno, su impulso di Sergio Marchionne, l’Alfa accostò il proprio marchio alla celebre scuderia svizzera di Formula 1, la Sauber, lasciandole la denominazione originale, con una piccola aggiunta a fini di marketing.

Da questa stagione però il marchio Sauber risulta soltanto sulla fiancata della monoposto, che avrà nome, per l’appunto, di Alfa Romeo Racing, riportando quindi in auge al 100% il marchio italiano che fra il 1950 e il 1988 vinse due campionati del Mondo e un totale di dieci gran premi, su 110 disputati, fornendo inoltre il motore a numerose scuderie minori. Tra i piloti più celebri figurano Juan Manuel Fangio, Nino Farina, Bruno Giacomelli, Vittorio Brambilla, Mario Andretti, Andrea De Cesaris e Riccardo Patrese.

La licenza della scuderia attuale è ancora svizzera, questo significa che, se dovesse vincere un gran premio con uno dei suoi due piloti, Kimi Raikkonen e Antonio Giovinazzi, suonerebbe l’inno elvetico, ma la passione, i colori, lo spirito evocati da quel Biscione sulla scocca riportano alla gloriosa storia dell’Alfa.

C’è inoltre un piccolo filo rosso che lega la nostra città con l’Alfa Romeo, quel Gioacchino Colombo progettista che partecipò al successo della casa milanese, al quale recentemente è stata dedicata la mostra “Legnano racconta l’Alfa Romeo(Leggi QUI)

Foto AlfaRomeo.com