Quantcast

Parabiago: addio alla vetta

Real Mantegazza più squadra ed i granata si allontanano dal vertice

VANZAGO –  Parabiago che si presenta a questo match day di girone con  l’esigenza di vincere la gara e riportarsi in classifica a ridosso proprio dell’ avversario odierno la capolista Real Vanzaghese Mantegazza.

Partita che inizia con la classica parte di studio per le due formazioni, poi i nero-verdi di Vanzago prendono in mano la gara, squadra ordinata e atleticamente ben messa, ha vita facile contro un Parabiago spesso poco lucido in fase di impostazione.
Il vantaggio dei padroni di casa non tarda ad arrivare: su una respinta corta della difesa granata, da fuori area Casieri lascia partire un tiro che inganna Lella.
Dopo il vantaggio la partita continua con la Vanzaghese che contiene facilmente le incursioni granata specialmente sulla destra dove Riosa ben marcato fatica  a servire palle a centro area.
Nei minuti di recupero della frazione quando si pensava già su come si potesse evolvere la partita nel secondo tempo, la sorpresa di veder assegnato un calcio di rigore ai nero verdi: su una discesa verso la porta granata, sul fondo linea all’interno del area, La Greca commette l’ingenuità di atterrare l’avversario, su un azione, che forse non avrebbe avuto risvolti pericolosi, dagli undici metri Donghi non sbaglia e sigla il raddoppio per la Vanzaghese.
Nella seconda frazione di gioco la musica non cambia  Parabiago che concede agli avversari troppi errori in fase di costruzione e concede facili ripartenze alla Vanzaghese, da una di queste e con il veloce Ebalì sigla il terzo gol chiudendo ogni speranza di rimonta ad un “vago” Parabiago.
Dopo il triplice vantaggio dei padroni di casa il Parabiago deve rinunciare anche a Sacchi che esce per infortunio lasciando il posto al giovane Colombo.
Parabiago che si rende più offensivo con i cambi effettuati da mister Crippa ( Zucchetti per Terreni, Bacchiega per Giuliani,   Sarr Samba per Riosa,  Fumo per Rizzo ) granata che creano qualche occasione in più senza però mai impensierire seriamente la porta del Vanzago.
Sul finire del incontro, ennesimo contropiede verde-nero dove il centrale granata Caccia è costretto al fallo in area: rigore.
Rigore che questa volta non viene realizzato fissando il risultato finale per tre reti a zero in favore dei padroni di casa che si godono anche il primato di classifica.