Quantcast

Il Pilates: storia di un metodo che ha conquistato il mondo foto

Inizia oggi la collaborazione con la Dott.ssa Maria Rita Scarcella, Psicologa Analista Junghiana

BUSTO ARSIZIO –  Inizia oggi la collaborazione con la Dott.ssa MARIA RITA SCARCELLA, Psicologa Analista JunghianaFondatrice e Responsabile del Centro L’Equilibrio di  Via Francesco Ferrer 2, Busto Arsizio (VA) 21052 .

scarcella

 


 

IL PILATES: STORIA DI UN METODO CHE HA CONQUISTATO IL MONDO

Il Pilates è un metodo di allenamento sviluppato all’inizio del Novecento da Joseph Pilates, di origini tedesche e successivamente naturalizzato negli USA. Questo insieme di esercizi fu pensato da Pilates in giovanissima età e solo successivamente, durante un periodo di prigionia nei campi di concentramento inglesi, fu organizzato in un vero e proprio sistema di addestramento e pratica sportiva.

Joseph, infatti, da giovane era un ragazzino gracile e cagionevole di salute. Durante la propria infanzia aveva sofferto di asma, rachitismo e febbre reumatica, i quali sembravano aver segnato negativamente la sua vita per sempre. Se non che, lo spirito adolescente di Joseph mostrò di essere caratterizzato da una tenacia e una costanza davvero eccezionali e, attingendo a varie discipline quali le arti marziali orientali, la danza
classica, il mondo atletico greco e romano e la medicina occidentale, Joseph mise a punto un metodo di allenamento che gli permise di ottenere grandi risultati e il suo corpo si trasformò da gracile e sofferente, in giovane e atletico.

Era già nato il metodo Pilates, ma ancora Joseph non lo sapeva. Fu soltanto dopo qualche anno, durante la prima guerra mondiale che Pilates, rinchiuso nel campo di concentramento inglese di Lancaster poiché di origini tedesche, iniziò a insegnare e diffondere il proprio metodo di lavoro con il corpo, a tutti gli altri detenuti.

Dato che lo spazio a disposizione era veramente poco, egli ebbe l’idea di lavorare con un tappetino, che rappresentava lo spazio che ciascun allievo aveva a disposizione per allenarsi: nacque così il metodo Matwork (da “mat” che significa appunto tappetino).

Successivamente, fu trasferito a Isle of Man, in un ospedale militare, dove lavorò come barelliere con i soldati feriti, i quali, non godendo in generale di buona salute o avendo subito addirittura delle amputazioni agli arti, non potevano beneficiare degli insegnamenti del suo metodo. Pilates, allora, iniziò a inventare degli stratagemmi per permettere anche a costoro di recuperare la propria forma fisica e mise a punto un macchinario in grado di posizionare correttamente il corpo degli allievi feriti, facendogli così allenare i muscoli, ma senza gravare sulle articolazioni e sulla colonna: nacque così il Pilates Reformer.

Oggi il metodo Pilates è una pratica di allenamento diffusa in tutto il mondo, che vanta notevoli benefici per la salute di moltissime persone. Sono davvero poche le controindicazioni a questo metodo: gravi cardiopatie e problemi seri alla colonna vertebrale.

Per il resto, tutti possono praticarlo, dagli sportivi alle casalinghe, dai giovani agli anziani. Un buon professionista sa adattare ogni esercizio alle esigenze della persona che ha di fronte, permettendogli di godere dei benefici del metodo ed è proprio questa versatilità e possibilità di adattamento ad averlo reso una delle pratiche più famose e diffuse in tutti i Paesi del mondo.

Dott.ssa Maria Rita Scarcella
Psicologa Analista Junghiana
Fondatrice e Responsabile del Centro L’Equilibrio
Via Francesco Ferrer 2, Busto Arsizio (VA) 21052

[continua…]