Quantcast

Pro Patria a Pontedera per confermarsi

Tigrotti in campo sabato 2 marzo alle 18.30

BUSTO ARSIZIO – Sabato 2 marzo alle 18.30 la Pro Patria giocherà a Pontedera. Dopo il successo di domenica scorsa con l’Albissola e i festeggiamenti per il centenario del Club, la squadra riprende il suo cammino in campionato.

Il Pontedera che gioca con un 3-5-2 come la Pro Patria è un avversario “non semplice che ha esigenza di punti dopo qualche risultato non brillante, nonostante lo spessore delle prestazioni“, come ha spiegato il Tecnico della Pro Patria Javorcic.

La squadra è partita venerdì pomeriggio alla volta della Toscana, dopo aver svolto la rifinitura stamane.

Per noi questa è una partita importante, vogliamo continuare a crescere e migliorare la nostra classifica, le nostre prestazioni, i nostri numeri in trasferta e più in generale. Ai playoff non pensiamo, perchè noi pensiamo solamente ad allenarci e preparare bene la partita che deve arrivare per provarla a vincere” taglia corto Mister Javorcic.

Ci aspetta un marzo con partite al sabato e solamente a fine mese in casa contro l’Arezzo: avevo detto che guarderò alla classifica solamente dopo la partita con l’Arzachena, considerato che quella con la Pro Piacenza, radiata dal campionato, è vinta a tavolino. Dopo la partita con l’Arezzo ci sarà l’ultimo sprint, ma noi non cambiamo il nostro atteggiamento di continuare a lavorare per fare bene” sottolinea l’Allenatore della Pro Patria.

Tornando sui festeggiamenti del centenario, Mister Javorcic riflette: “Mi ha emozionato perchè sono qui da poco, e naturalmente qualsiasi tifoso viene prima in questa storia ma io sono molto orgoglioso e felice di farne parte con questi ragazzi e di scriverne le pagine attuali in queste stagioni“.

Probabile formazione: Mangano; Molnar, Battistini, Boffelli;Mora, Gazo, Fietta, Ghioldi, Galli; Santana (Capitano), Mastroianni.

Per questa decima giornata del Campionato di Serie C, Pontedera-Pro Patria sarà arbitrata da Nicola Donda di Cormons con Vincenzo Madonia di Palermo e Antonio Rosario Grasso di Acireale.