Segno più nel mercato dei veicoli commerciali e industriali

Immatricolazioni condizionate dalla coda del super-ammortamento 2018

MILANO – In Italia nel mese di febbraio, secondo i dati diffusi oggi da ACEA, il mercato dei veicoli commerciali e industriali ha registrato una crescita del +1,2%, in cui le immatricolazioni sono passate da 16.695 di febbraio 2018 a 17.331, con il segmento dei commerciali leggeri fino a 3,5t in aumento del +6,1% (+3,3% nel bimestre gennaio-febbraio) e quello dei veicoli medi e pesanti sopra le 3,5t con una performance negativa del -12,1% (-11,4% nel primo bimestre dell’anno).

Il mercato europeo è salito complessivamente a febbraio del +4,7%, con una crescita sostenuta soprattutto da Germania (+15,2%) e Francia (+7,1%), mentre nel periodo gennaio-febbraio 2019 il mercato è cresciuto del +5,7%, contando 382.114 nuove immatricolazioni in tutta l’UE: Germania (+15,5%), Francia (+7,7%), Regno Unito (+6,3%) e Spagna (+2,1%).

Gianandrea Ferrajoli, Vice Presidente di Federauto e Coordinatore del Gruppo Trucks, ha dichiarato “Non facciamoci ingannare dalla crescita delle immatricolazioni dei veicoli commerciali leggeri, strettamente correlata alla scadenza del super-ammortamento 2018 applicabile ai veicoli ordinato entro il 31 dicembre 2018. Purtroppo, le prospettive condizionate da uno scenario di calo degli investimenti e dal sentimento di incertezza delle imprese, sono bene interpretate dal secondo calo consecutivo delle immatricolazioni dei veicoli pesanti da inizio anno”.

Aggiunge Ferrajoli “Ci auguriamo che il Governo e in particolare il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti non ignorino l’allarme che giunge dal mercato, dando segnali di attenzione verso il settore del trasporto merci, a partire dall’emanazione dei Decreti ministeriali di riparto delle risorse destinate all’autotrasporto per il 2019 e valutare lo stanziamento di risorse per il rinnovo del parco”.

Conclude Ferrajoli “Ricordo ancora una volta che insieme alle altre associazioni di settore abbiamo richiesto un incontro al Ministro Toninelli, per cercare di capire e decifrare la strategia e la visione del Governo sul nostro settore e comprendere come il Ministero intenda applicare la norma contenuta nella legge di bilancio riguardo le operazioni di revisione dei veicoli sopra le 3,5t ma non abbiamo ancora ricevuto riscontri”.