Quantcast

Legnano pronto al top contro il Cassano

Un avversario da cui Mister Fiorito mette in guardia

LEGNANO – Continua a prepararsi nel migliore dei modi il Legnano che domenica affronta l’ultima giornata del Campionato d’Eccellenza a Cassano Magnago.

Un avversario da cui Mister Fiorito mette in guardia: “E’ una squadra giovane che è capace in una gara singola di creare problemi a tutti, guidata da buon allenatore e con buoni giocatori: è chiaro che all’interno del campionato ha avuto qualche problema ed è ora costretta a fare playout, ma è una squadra che bisogna rispettare come tutte e affrontare al 100% perchè nessuno regala nulla e tutti sono sempre molto motivati perchè giocano contro il Legnano e queste partite diventano una vetrina per tutti. Nessun giocatore o formazione ci sta farsi soccombere dall’altra, il Cassano è una squadra molto agguerrita e cercheranno di onorare al meglio l’ultima gara e anche loro sono più concentrati per prepararsi poi ai playout successivi“.

Ricordiamo che tra i Lilla sono diffidati Amelotti e Crea.

Due parole è giusto riservarle ai giovani lilla: “I giovani che abbiamo sono tutti ragazzi di prospettiva, hanno qualità e sono ragazzi che possono migliorare tanto sono migliorati in questo campionato, molto nella gestione della gara, nell’aspetto tecnico e tattico soprattutto e sono ragazzi sicuramente che faranno molto bene anche nella stagione successiva dove avranno accumulato un anno di apprendistato e in cui hanno fatto esperienza, conoscendo questa categoria e giocandoci da protagonisti. Quindi l’anno prossimo, auguriamoci a un livello più alto, saranno ancora più pronti e preparati per affrontare il campionato dove giocherà il Legnano. Brusa Miculi, Borghi, Curci sono tutti ragazzi che hanno dato tanto, lo stesso Trenchev, che magari ha giocato meno ma tutti hanno interpretato bene le dinamiche dello spogliatoio e in gara fatto ciò che era richiesto e questo perchè in allenamento si sono sempre impegnati al 100% e si sono fatti trovare pronti. Lo stesso discorso vale per Ronchi e Calviello anche se del 98 e Bianchi che è 96: anche se non più giovanissimi non sono nemmeno vecchi, ma questa è una squadra giovane che comunque farà bene per il Legnano anche il prossimo anno“.