Quantcast

Legnano, “mancò la fortuna, non il valore!”

IL DS lilla Maurizio Salese commenta la sconfitta di Breno

LEGNANO – A distanza di due giorni dalla mancata D, c’è tristezza ma anche consapevolezza che questo Legnano ha fatto più il suo dovere e speriamo che un eventuale ripescaggio ci ‘risarcisca’ a livello di buona sorte quanto la sfortuna ci ha sottratto domenica, perchè trema ancora la traversa di Crea al 44′ del secondo tempo e se fosse andato dentro il colpo di testa di Bianchi, a quest’ora i discorsi sarebbe di altro tenore…

Il calcio è però imprevedibile e i Lilla sapranno essere più forti della sfortuna. Parafrasando una lapide che ricorda i soldati italiani a El Alamein, al Legnano ha voltato le spalle la fortuna, perchè i giocatori tutti si sono battuti con valore…

Questa squadra – commenta il DS Maurizio Salese (al centro nella foto) – ha fatto un ottimo girone di ritorno, ha fatto un gran campionato, siamo arrivati a un soffio dal prendere la Castellanzese, poi la squadra si è ricaricata per i playoff, che ha vissuto da protagonista anche questa doppia sfida con il Breno“.

Penso che eravamo la squadra che meritavamo di più: ho contato per noi almeno 10 palle gol nitide davanti alla porta, poi gli episodi ci hanno condannato,ma non dobbiamo recrimanere e non ci dobbiamo rimproverare nulla sia per il gruppo sia per il Mister Fiorito che ha dato un’ impostazione alla squadra, anche in queste due ultime gare, dove la squadra ha condotto sempre, ha creato svariate occasioni da gol, ci è solamente mancato il cinismo davanti alla porta. Quella di domenica è stata la prima sconfitta in trasferta del Legnano, e la legge dei grandi numeri ci ha sconfitto dicendo che prima o poi dovevamo perdere. E’ andata così ma solo negli ultimi minuti: sulla traversa della punizione di Crea, si è stampata il nostro destino come a dirci che qui dovevano andare a finire così le cose. Giocare poi senza i nostri tifosi ci ha tolto molto, perchè sappiamo tutti cosa possono darci in più“.