Quantcast

Note a margine con Mister Fiorito

Con Giuseppe Fiorito parliamo del WM moderno di Mister Pioli e del "2-7-2" di Thiago Motta

LEGNANO – Negli ultimi giorni nel dibattito calcistico si è parlato tanto di tattica, bene così ma sempre a proposito?

A tenere banco il WM moderno di Mister Pioli al Milan e il “2-7-2” di Thiago Motta che ha fatto anche sbizzarrire i social…

Noi di Sport Legnano con Mister Beppe Fiorito vogliamo offrire ai Lettori una chiave di interpretazione tecnica per farsi un’idea.

Mister è vero che è tornato il WM nel Milan di Pioli?

Ho visto la gara in tv e per ciò che si è visto in tv, il Milan ha giocato con un 4-3-3, con Hernandez difensore esterno che spingeva di più rispetto a Conti più in copertura a Suso. Non ho visto questo tipo di gioco del WM, poi il ‘3 e mezzo’ lo faceva anche Mister Spalletti, con un esterno di difesa, destro o sinistro che spinge di più rispetto all’altro e questo dà invece più copertura nella linea difensiva. Nel Milan durante la partita contro il Lecce lo faceva Conti che rimaneva dentro il campo con Musacchio e Romagnoli e dall’altra parte Hernandez, con Chalanoglu che si accentrava di più e sfruttava con Paquetà più le loro qualità nella zona centrale lasciando l’ampiezza al difensore esterno. Paquetà in mezzo con Kessie e Biglia,vedeva proprio il promo alzarsi un po’ di più vicino a Leao e idem Chalanoglu si alzava tra le linee, con l’ampiezza a sinistra lasciata a Hernandez“.

E questo ‘2-7-2’ che ha scatenato i social per il ritorno di Thiago Motta al Genoa?

Penso che un sistema deve essere equilibrato comunque si giochi: non è che ci si può difendere con due giocatori, altrimenti tutta l’ampiezza della fase difensiva chi la prende? Si devono abbassare due o tre centrocampisti con i difensori rimasti poi sul campo a livello di copertura di spazi. Nel calcio c’è una fase offensiva e una difensiva, se in attacco si sono alzati tutti e solo due difensori sono rimasti dietro, è un sistema spregiudicato, perchè poi si avrà una fase difensiva inefficace. Non è che si difende in 2, penso che che a volte siano numeri dati per riempire pagine… uno può giocare in fase offensiva con 6/7 giocatori posizionati sopra la linea della palla ma una volta che la perdi la palla, non puoi difendere in due. Ciò non ha logica, non è equilibrato, non ci sono i presupposti per iniziare cosa del genere. Può accadere poi che in fase di possesso alzi due esterni della difesa, con due punte e due centrocampisti ma alla fine si intasano tutti spazi là davanti e fai fatica, Ormai si cerca di arrivare a certi risultati invece con la corsa e ie gli inserimenti senza palla per sorprendere la linea dei difensori avversari. Sono curioso anche io di capire…

E quando si legge che qualcuno difende a sistema puro che cosa significa?

Sistema puro significa che si difende uno contro uno a tutto campo, quasi a uomo tutti gli avversari nella zona, sugli esterni c’è un uno contro uno, senza raddoppio e senza copertura,i due difensori centrali giocano uno contro uno, Ormai tante squadre lo fanno, non solo Gasperini all’Atalanta. C’è chi lo pratica o lo esaspera di più, è chiaro che ci sono dei pro e dei contra, perchè se perdi un uno contro uno contro giocatori più forti, si finisce per subire e rischiare tanto… Per tante cose del calcio un conto è parlare di sistemi, scriverne sui libri, maquando sei in campo ci sono gli spazi da coprire. C’è la tendenza alla Gasperini ad essere più vicino all’avversario anche se non ha palla ,quindi più vicino nel contrasto, ci sono allenatori invece che coprono di più l’area davanti alla porta,fanno prendere palla e poi escono. Quando invece giochi più in marcatura e meno a zona si è più vicino al futuro ricevitore della palla. Il sistema puro si verifica quando è attuata la marcatura a tutto campo quasi a uomo e sono molto più vicini i 4 o 5 difensori.”

“Il Calcio si è evoluto in maniera incredibile, il calcio è fatto di situazioni e un giocatore deve imparare a giocare o a zona o a uomo e soprattutto a leggere le situazioni che si verificano in campo: quando è opportuno marcare a uomo, quando invece ‘scappare’ o accorciare. Tutte queste conoscenze devono essere nel bagaglio tecnico del calciatore professionista. Nel calcio ci sono anche delle regole ma un sistema deve essere equilibrato: non si può prescindere da ciò in entrambe le fasi di gioco come hanno dimostrato i Maestri. Si possono provare tanti sistemi (4-4-2, 3-5-2 ecc ecc), però la copertura degli spazi ci deve essere in qualsiasi sistema, leggendo bene le situazioni“.