Marzio Buscaglia arrestato!

Maxi frode sull'Iva dei carburanti e nei guai anche una vecchia conoscenza del calcio legnanese

LEGNANO – Distributori di carburante nel Veneziano con prezzi alla pompa sensibilmente inferiori rispetto alla media del mercato grazie all’evasione dell’Iva sui trasferimenti.

La gdf ferma Domenico e Giuseppina Gallo, che avevano base in uno studio professionale di Roma, Marzio Buscaglia e Walter Bovati. Le accuse sono associazione per delinquere, finalizzata ai reati di dichiarazione fraudolenta, omessa e infedele, utilizzo di fatture false e indebita compensazione di imposte.

Una società con sede in provincia di Milano era incaricata di acquistare petrolio da fornitori comunitari. Il carburante era poi ceduto ad un’altra impresa senza l’applicazione dell’Iva, che lo rivendeva sottocosto.

Il prodotto non usciva mai dal deposito costiero di Venezia, da dove veniva estratto solo per essere venduto ai distributori stradali del Nordest.

Il profitto dell’Iva evasa è stato poi monetizzato dall’organizzazione mediante il trasferimento di ingenti somme di denaro verso soggetti economici compiacenti con sede dichiarata all’estero e nell’area del Napoletano,

Le attività investigative hanno permesso di individuare 65 società coinvolte nella frode, situate in tutto il territorio nazionale e sfruttate nel triennio 2016/2018 per emettere fatture false per 235 milioni di euro e per utilizzare in compensazione falsi crediti d’imposta per 26 milioni di euro.

Sono state in tutto 86 le persone denunciato a vario titolo per i reati di associazione a delinquere, omessa ed infedele presentazione delle dichiarazioni fiscali, emissioni di fatture false, compensazione indebita d’Iva e riciclaggio e autoriciclaggio di denaro.

Marzio Buscaglia anni fa era già finito nei guai. QUI

Buscaglia nel giugno del 2010 si era interessato al club lilla, abbandonando però il tavolo delle trattative di fronte all’enorme ammontare del debito esistente, debito che avrebbe di lì a poco portato al fallimento dello storico A.C. Legnano.

Mesi fa la società di via Palermo aveva smentito l’ingresso di Buscaglia nel direttivo: “Marzio Buscaglia non è entrato a far parte del Consiglio Direttivo dell’A.C. Legnano!!.