Atletica SVO, debutto con il botto per i quattrocentisti

Quattro atleti sanvitoresi in gara a Padova

PADOVA – Sabato 8 Bebbraio 2020 nell’impianto indoor di Padova, Sofia Vignati, Sara Arici, Caterina Martinotto e Cristian Spada dell’Atletica San Vittore Olona hanno saputo regalarsi un bellissimo pomeriggio di gare ed emozioni.

Al femminile debutto assoluto in un 400 metri per Sofia, Sara e Caterina, bravissime ad interpretare questa difficile gara (ancor peggio indoor) nel migliore dei modi alla loro “prima”… Una gara che restera’ nei loro ricordi, sia per i bellissimi croni finali, sia per l’emozione di una prima volta in palazzetto indoor che, purtroppo, noi in Lombardia ci scordiamo.

Tutte e tre giovanissime (categoria Allieve, Sofia e Sara al primo anno … ), hanno saputo tramutare gli allenamenti e i consigli dei loro coach al meglio, disputando delle ottime gare e regalandosi dei tempi di tutto rispetto per la loro prima volta. Sara riesce a fare un ottimo 300 metri e poi accusa un po’ il “colpo” nella parte finale e chiude in un buon 1:06.02 suo Personal Best. Caterina parte decisa e corre sempre davanti in una bella galoppata che alla fine la premia con un ottimo tempo d’esordio di 1:04.86 suo Personal Best e appena fuori dalla Best-10 societaria al femminile. Sofia stupisce tutti e, dopo un avvio un tantino prudente, riesce ad effettuare una bellissima progressione che la portera’ al traguardo con l’ottimo crono di 1:02.53 suo Personal Best e riesce anche ad entrare nella Best-10 al femminile (e chissa’ come sarebbe andata se non si “fosse” fermata negli allenamenti a riflettere…).

Al maschile Cristian, alle prese con una condizione non ottimale, riesce comunque a piazzare una buona prova sul doppio giro. Ovviamente Cristian non e’ soddisfatto del tempo(comunque migliore di quello outdoor del 2019), ma i conti di fine stagione devono tenere conto di tanti fattori (fisici, ambientali e il lavoro … ) che non sempre girano a favore. Ma comunque sia andata e’ sempre un piacere vedere gareggiare Cristian, se non altro per la sua grande determinazione a non mollare mai, determinazione che ha imparato anche nell’Atletica e che lo sta dimostrando anche al di fuori.

(Fonte e foto Atletica SVO)