Quantcast

Juventus-Milan di Coppa Italia vietata ai Lombardi

La gara di Coppa si gioca regolarmente, ma senza tifosi Lombardi

TORINO – Stadio aperto e gara in diretta su Rai Uno.  Così si è deciso. Dopo la sospensione di Juventus-Inter di campionato, tempo tre giorni e cambia tutto. Niente campionato, ma gara di Coppa Italia a porte aperte, ma con qualche eccezione.

Non potranno entrare nello Stadium  spettatori provenienti da “Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna e dalle province di Savona e Pesaro e Urbino”. Lo scrive la Juventus sul proprio sito ufficiale. “La conferma è arrivata dal DPCM 1 marzo 2020 che recita: Sospensione degli eventi e delle competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, sino all’8 marzo 2020, in luoghi pubblici o privati. Resta consentito lo svolgimento dei predetti eventi e competizioni, nonché delle sedute di allenamento, all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse, nei comuni diversi da quelli di cui all’allegato 1 del presente decreto. È fatto divieto di trasferta dei tifosi residenti nelle regioni e nelle province di cui all’allegato 2 per la partecipazione ad eventi e competizioni sportive che si svolgono nelle restanti regioni e province; ?Torino non fa parte dei comuni menzionati all’allegato 1, mentre i luoghi da cui i tifosi non possono effettuare trasferte (allegato 2 del decreto) sono, appunto, le regioni Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna, e le province di Savona e Pesaro e Urbino“.

La gara Juventus-Milan è in programma mercoledì, 4 marzo, con calcio d’inizio fissato per le ore 20.45. Il match sarà trasmesso in chiaro dalla Rai, che manderà in onda la partita in diretta su Rai Uno (canale 1 del digitale terrestre e in HD sul canale 501).

La telecronaca dell’incontro sarà a cura di Stefano Bizzotto, con il commento tecnico affidato ad Antonio Di Gennaro. Interviste a bordo campo di Andrea Riscassi e Aurelio Capaldi.