La Juventus inizia il taglio degli stipendi. Cosa faranno le altre società?

In totale un risparmio a bilancio di 90 milioni di euro.

TORINO – Primo club fra tutti quelli professionisti in Italia a procede con un accordo per il taglio degli ingaggi dei propri tesserati. La Juventus trova la quadra per venire incontro al blocco del campionato a causa del Codiv-19.

La società ha proceduto con un accordo che prevede la riduzione dei compensi, pari all’importo delle mensilità di marzo, aprile, maggio e giugno 2020.

In totale un risparmio a bilancio di 90 milioni di euro.

Giocatori e tecnico rinunciano ad un mese e mezzo di stipendio.

Il Milan sembra in questi giorni seguire questa linea come scrive il Corriere dello Sport, visto che la situazione di bilancio è sempre più critica. Elliott Management dovrà fronteggiare ancora gravi perdite e tagliare gli ingaggi potrebbe aiutare il club a fronteggiare questa situazione.

L’attuale monte ingaggi è di 110 milioni lordi (ai quali bisogna aggiungere lo stipendio di due allenatori e staff tecnico).