Gallera contro la circolare del Viminale: “Gravissima, non è il momento di abbassare la guardia”

L'assessore al Welfare lombardo non ha gradito i contenuti della circolare del Ministero dell'Interno

MILANO – “Provvedimento rischia di creare effetto psicologico devastante. Necessario rimanere a casa”. Risponde così, senza troppi giri di parole, l’assessore al Welfare della Regione Lombardia Giulio Gallera alla circolare del Ministero dell’Interno che autorizza le passeggiate vicono a casa con il proprio bambino (leggi nostro articolo QUI >>)

Si alle passeggiate col proprio figlio, no allo jogging

La Circolare diffusa dal Ministero dell’Interno rischia di creare un effetto psicologico devastante vanificando gli sforzi e i sacrifici compiuti finora sul coronavirus. Non è questo il momento di abbassare la guardia. Il provvedimento ministeriale – aggiunge  Gallerapotrebbe essere inteso come un segnale di allentamento delle misure di contenimento assunte finora. Misure rigide, importanti, che hanno però consentito di contenere la curva dei contagi del coronavirus”.

Secondo l’assessore lombardo il rischio è di vanificare quanto è stato fatto in queste settimane: “La luce in fondo al tunnel rischia di allontanarsi o di spegnersi del tutto nel momento in cui vengono trasmessi messaggi ambigui. L’indicazione utile per tutti deve essere quella di rimanere a casa, ancora per qualche settimana. Solo così riusciremo a sconfiggere questo nemico subdolo e invisibile“.