Quantcast

Piscina di Legnano, in vasca nel 2022?

I lavori di ristrutturazione della piscina coperta di Legnano rischiano di slittare di un anno

LEGNANOI lavori di ristrutturazione della piscina coperta di Legnano rischiano di slittare di un anno. L’emergenza coronavirus starebbe seriamente mettendo a rischio i tempi di consegna del progetto definitivo, sul quale poi il Comune avrebbe dovuto emettere il bando per la gara di appalto. I tempi previsti tenevano inoltre in considerazione il fatto che nel frattempo si sarebbero svolte le elezioni comunali e che quindi la gara sarebbe stata lanciata dal nuovo Consiglio Comunale. Ma il lockdown da una parte e lo slittamento delle elezioni (si spera in autunno) dall’altra hanno mandato all’aria ogni programma.

A questo punto il rischio è quello di arrivare ad avere il lancio della gara non prima del gennaio 2021, che vorrebbe dire inizio dei lavori nell’estate dello stesso anno. Insomma, il calendario potrebbe segnare il 2022 nel momento in cui i legnanesi torneranno in vasca alla “Ferdinando Villa“. Con tutti i problemi che questo comporterebbe sia per il nuoto libero, sia per i corsi, sia soprattutto per l’attività agonistica dei due club che hanno la piscina legnanese come base per le loro attività, la Rari Nantes Legnano e la Nuotatori del Carroccio.

Ricordiamo che per i lavori di ristrutturazione, resi necessari dalle note problematiche emerse nello scorso novembre (leggi nostro articolo QUI >>), il Comune di Legnano ha già stanziato due milioni di euro, necessari per la riqualificazione totale dell’impianto, comprensi spogliatoi, vasche, acqua ed energia, ma anche bar, uffici e palestra.