Quantcast

Una mamma canegratese scrive a Mattarella al ministro Azzolina: “Sono delusa!”

Non tutelate bambini e disabili e non affrontate il problema, spostandolo a settembre

CANEGRATE (MI) – Una lettera accorata e soprattutto PREOCCUPATA quella della canegratese Irene Loddo che ha scritto al Ministro della pubblica istruzione e al Capo dello Stato.

Premetto che sono profondamente  delusa del discorso tenutosi dal Presidente del Consiglio Conte… ma ciò che mi preme sottolineare che, nonostante a tutti gli italiani siano ben chiare le regole da rispettare per evitare il contagio, mi pare di percepire che nè  a Lei e ne’al resto della classe politica sia ben chiaro il BUON SENSO! Come si fa a sostenere che la scuole, a prescindere dall’ordine e grado debbano rimanere CHIUSE, perchè  il personale docente è  anziano!?! Io sono una semplice mamma imperfetta e come tante altre multitasking… Non so se anche lei appartenga a questa categoria…Ma so per certo che, non si deve occupare tutti i giorni di bambini da 0-3 anni, non si deve occupare di un bambino da 3-6 anni, dai 6-11, di un adolescente, non si deve occupare di un disabile cognitivo e  di un disabile psico-fisico!

Forse prima di adottare qualsiasi provvedimento che non tutela assolutamente chi dev’essere tutelato, i bambini e i disabili, che in qualsiasi guerra, insieme ai piu’ fragili, diventano gli invisibili, quelli che non hanno voce, RIFLETTERE, non sarebbe una idea assurda! Se proprio non riuscite a usare il buon senso… perchè  non andate per imitazioni  con modelli gia’ funzionanti?

Non e’ di certo colpa delle famiglie italiane se il personale docente soprattutto di asili nido e scuole delle infanzia ,dovrebbe essere già  in pensione da un pezzo, visto che hanno l’età  dei nonni!!!… Quindi inviterei a meditare ad usare il BUON SENSO e soprattutto a far si’  che la politica aiuti le FAMIGLIE SEMPRE e non le distrugga!… Soprattutto nelle situazioni più  complesse… come quella dell’Emergenza corona-virus!!!

Ricordo che procrastinare la soluzione dei problemi non serve molto… perchè  a settembre saremo nella stessa situazione… Quindi affrontare SUBITO con consapevolezza e determinazione il problema istruzione, diritto allo studio, diritto all’inclusione, sostegno alle fragilita’,  in questo momento così  delicato, darebbe dimostrazione che il Governo non solo sia all’altezza di farlo , ma che è  in grado di agire in maniera sensata, determinata e consapevole!!!

Cordialmente

Irene Loddo