Quantcast

Le rubriche di SportLegnano it - Museo Lilla

Davide Roncaglia, difensore tuttofare e corretto

Arrivato a Legnano al seguito dell'Inter di Bersellini, diventò una bandiera della squadra lilla

LEGNANO – Arrivò al Legnano a stagione inoltrata dopo un’amichevole contro l’Inter di Eugenio Bersellini Campione d’Italia, giocata in uno stadio “Pisacane” stracolmo, un giovane difensore di belle prospettive come Davide Roncaglia.

Il riscaldamento con la maglia numero 18 dei Nerazzurri e poi uno scampolo di partita contro quella che sarebbe diventata la sua nuova squadra prima in prestito e poi con il riscatto.

E Davide Roncaglia seppe come farsi apprezzare dai tifosi Lilla: un giocatore bravo, leale e corretto come forse ce ne sono stati in campo. Un giocatore pulito e preciso nei suoi interventi difensivi. Poteva giocare a destra come a sinistra e così come stopper. Roncaglia fu sfortunato con gli infortuni subiti per delle entrate cattive e comunque fu sempre tenace rimettendosi in sesto, allenandosi anche sui gradoni del “Pisacane” per recuperare il tono e tornare subito disponibile per la causa.

Roncaglia (primo da sinistra seduto in seconda fila) fu tra i protagonisti della storica promozione in Serie C1 nel 1982/83
A.C. Legnano 1982/83

Roncaglia è stato il leader silenzioso della difesa lilla: con il suo senso della posizione sapeva sempre farsi trovare al posto giusto al momento giusto, difficilmente si perdeva l’uomo da curare, sapeva giocare d’anticipo. Un giocatore molto intelligente e leale con gli avversari.

Dieci le stagioni (non consecutive) passate da Roncaglia in maglia lilla, dal 1980/81 al 1991/92, tre in Serie C1 e sette in Serie C2, interrotte da due annate con l’Ancona in Serie C1 nel 1986/87 e nell’1987/88. In tutto ben 257 (con cinque reti all’attivo) le sue presenze nel Legnano, che lo collocano al nono posto nella classifica dei Fedelissimi di tutti i tempi.

L’A.C. Legnano 1913 ha potuto contare sulla sua fedeltà ai colori lilla e sulla sua eleganza nelle giocate che lo inseriscono di diritto tra i migliori nella storia del club.