Quantcast

Futura: Silvia Sormani torna a casa

Cresciuta in maglia biancorossa, torna alla base dopo l’esperienza al Club Italia

BUSTO ARSIZIO – Un altro tassello inserito nel quadro della Futura Volley Giovani, che va via via sempre più prenotandosi un posto fra le big della prossima stagione.

L’ultimo arrivo non è altro che un gradito ritorno a casa, quello del giovane libero Silvia Sormani, reduce dall’esperienza, sempre in A2, al Club Italia, andrà a occupare la casella di vice-Garzonio.

Nata a Busto Arsizio diciassette anni fa, Silvia comincia la carriera pallavolistica proprio nella Futura Volley, con l’U12, con cui nel 2015 vince il titolo provinciale.

Passata in U13 arriva un nuovo titolo provinciale, quando ancora giocava in banda.

La continua crescita di Silvia le permette di scalare le gerarchie, compiendo continui passi in avanti nel settore giovanile biancorosso, fino all’approdo prima in Serie D, poi andando a collezionare anche due convocazioni in B2.

Nel 2019 altro titolo provinciale, con l’U16 (Sormani MVP della fase finale), da qui la scelta del Club Italia di farle vestire la maglia azzurra, con la quale opera definitivamente il cambio di ruolo, diventando libero a tutti gli effetti.

Con il Club Italia colleziona 19 presenze e sfiora la pool promozione, un percorso di crescita degno della chiamata di ritorno da parte di coach Lucchini.

Ecco le prime dichiarazioni di Silvia Sormani, rilasciate a Dario Cordella, addetto stampa della Futura Volley Giovani:

Ciao Silvia, come stai vivendo questo “rientro alla base” da componente della prima squadra?
Sono di sicuro molto emozionata, anche perchè sarò tra le più piccole di questo nuovo gruppo; quando ho ricevuto la chiamata da coach Lucchini la prima sensazione è stata di entusiasmo, sarà la prima volta in cui parteciperò ad un campionato insieme ad atlete che lo fanno come mestiere. La prossima stagione sarà diversa dall’ultima al Club Italia proprio per via delle compagne di squadra più grandi, sono certa che mi aiuteranno a crescere grazie alla loro esperienza in questo mondo; sono felice e molto propensa a questa nuova avventura.

In cosa vorresti poter fare passi avanti nella prossima stagione?
Vorrei innanzitutto imparare ad essere più sicura di me stessa: non perchè mi abbatta facilmente, ma perchè tendo spesso a sottovalutarmi. Senza strafare, e con l’aiuto di squadra e staff, cercherò di capire quali sono le mie reali potenzialità. Sul piano tecnico, invece, non si smette mai di imparare: voglio fare sempre meglio in allenamento per crescere su più fronti.

Puoi raccontarci la tua avventura al Club Italia?
Quella vissuta al Club Italia è stata un’esperienza bellissima. Sono passata dalla Serie D alla Serie A2 e per la prima volta ho disputato un campionato di alto livello, vivendo inoltre lontano da casa per la prima stagione: mi sono trovata davvero bene con tutti i coach e le compagne, abbiamo vissuto praticamente come una famiglia. E’ stata un’avventura positiva anche pallavolisticamente, malgrado il finale di regular season non ci abbia dato giustizia: è stato il mio primo anno come libero e ho imparato moltissimo, ci sono ovviamente stati alti e bassi durante la stagione ma sono riuscita a tirarmi su e a godermi l’esperienza.

Foto Giovanni Pini