Quantcast

I debolmente positivi non contagiano!

Secondo una ricerca del San Matteo di Pavia, la Lombardia ha messo in quarantena il doppio delle persone che hanno poi evidenziato la malattia

PAVIA – Secondo una ricerca del San Matteo di Pavia i ‘debolmente positivinon infettano. E’ stato presentato studio congiunto con altri 4 istituti di ricerca. “In base a una ricerca eseguita su 280 soggetti guariti da Coronavirus è stato riscontrato che avevano ‘cariche’ basse: più è alto il numero di Cycle threshold (Ct, in termini scientifici il ‘ciclo-soglia’), più è basso il Rna – Ribonucleic acid, cioè l’acido ribonucleico. Su 280 pazienti analizzati, il segnale di sopravvivenza del virus è meno del 3 per cento. Ossia, 8 soggetti”.

Lo ha spiegato Fausto Baldanti, responsabile del Laboratorio Virologia molecolare dell’Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico (Irccs) del Policlinico San Matteo di Pavia.

L’indagine è stata effettuata in collaborazione con l’Istituto Zooprofilattico della Lombardia e dell’Emilia Romagna, l’ospedale civile di Piacenza, l’ospedale universitario ‘Le Scotte’ di Siena e l’Irccs Policlinico di Milano. “Adesso siamo in una fase – ha aggiunto Baldantiin cui molte persone hanno superato l’infezione, sanno di essere state positive e hanno scoperto di essere state colpite da Covid attraverso test sierologici”.

La domanda che possiamo farci è: se siamo clinicamente guariti e la sintomatologia è scomparsa – ha detto ancora Baldantiche significato ha la positività del tampone? La risposta – ha proseguito – è che molti soggetti hanno una bassa carica di Rna virale”.

Le indagini molecolari – ha chiarito Baldantisono costruite in modo da identificare una porzione del genoma, cioè del codice genetico del virus. Se si identifica questa porzione, non è detto che il genoma sia integro ossia infettante, oppure frazionato”.

Secondo il Consigliere di Amministrazione del San Matteo di Pavia Alessandro Venturi, la ricerca Coronavirus non ha eguali sul territorio nazionale. “Lo studio molecolare che presentiamo – ha dichiarato Venturifa parte del grande lavoro svolto dai grandi ospedali di ricerca della Regione e necessita una contestualizzazione. La Lombardia ha assistito a un coinvolgimento ospedaliero massivo e condiviso, che non ha uguali sul territorio nazionale”.

I pazienti che stavano in ospedale – ha chiarito Venturinon potevano stare da nessun’altra parte: questo dobbiamo affermarlo una volta per tutte. La moltiplicazione dei posti letto e delle terapie intensive è dovuta quindi al fatto che essi non potevano stare altrove. Per quanto riguarda l’aspetto epidemiologico, la Lombardia ha adottato lo strumento della quarantena obbligatoria e fiduciaria”.

Il ‘tamponamento a tappeto’ di cui sentiamo parlare da tempo – ha detto ancora – in quel momento era impraticabile. Mentre era praticabile la quarantena anche senza avere effettuato il tampone molecolare. La Lombardia ha messo in quarantena il doppio delle persone che hanno poi evidenziato la malattia: i dati sierologici hanno confermato la bontà di questa scelta”.

Il professor Giuseppe Remuzzi, direttore dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, ha sottolineato che “diventa fondamentale quantificare la positività. Dire positivo non basta più. Si parla di tamponi positivi che hanno una carica virale molto bassa. È molto difficile che pazienti con questo tipo di tamponi possano contagiare altre persone”.

Dobbiamo ribadirlo – ha concluso Remuzziperché le persone quando sentono parlare del numero dei contagi in Lombardia, devono sapere che si fa riferimento a tamponi positivi con una carica virale che può anche non essere contagiosa”.