Quantcast

Ambrosini, un giocatore di esperienza per la difesa lilla

Per anni Capitano del Como, vanta una stagione in Serie B

LEGNANO – Non passa giorno che il Legnano non presenti un nuovo acquisto in questo rovente calciomercato 2020. E quello di oggi, giovedì 2 luglio, è davvero un grande colpo di mercato: parliamo di Cesare Ambrosini, forte difensore centrale classe 1990, con un passato di prestigio nel Como, squadra con la quale ha vinto un campionato di Serie C, guadagnandosi una stagione tra i cadetti. Con i lariani il neo-acquisto lilla ha giocato in tutto sette stagioni (una in B, cinque tra c e C1 ed una, quella del suo esordio, in D), collezionando 125 presenze ed indossando la fascia di Capitano.

Oltre che a Como, Ambrosini ha giocato due stagioni in Serie C nel Modena ed in Serie D due nel Tavolara, una nel Renate, una nel Derthona, una nel Rezzato e due nel Sondrio. Nella stagione appena conclusa, dopo aver iniziato con i valtellinesi, è poi passato in Serie C nel Rimini, scendendo in campo sei volte prima dello stop del campionato a febbraio.

Tante le richieste, anche in C, per lui, che alla fine ha però scelto la maglia lilla: “Potevo scegliere tra alcune opzioni – ha dichiarato Ambrosinima la società, il presidente, l’entusiasmo del direttore Cera, una piazza che non c’entra nulla con la D, la storia gloriosa di questi colori: tutti questi elementi mi hanno fatto sposare la causa lilla. Quanto a mister Brando, l’ho conosciuto e mi ha fatto una bellissima impressione. Propone il calcio che io voglio, propositivo, di personalità, un calcio in cui mi rivedo“.

Giocatore di grande esperienza, si troverà a gestire una difesa molto giovane: “Mi hanno parlato benissimo dei ragazzi: con questo allenatore hanno ottimi margini di miglioramento. Avere 18 o 19 anni nel calcio di oggi non significa essere piccoli o impreparati, anzi. La cosa che conta è l’atteggiamento: dobbiamo dare il massimo e sudare, quando il pubblico vedrà tutto questo sarà soddisfatto. Non avremo le pressioni delle squadre ricchissime che devono vincere a tutti i costi: noi puntiamo a fare un grande campionato puntando sulle idee e sul gioco. Crescere insieme è la cosa più bella. Spero anche di vedere ragazzo e compagni esperti che dicono la loro, che fanno sentire la loro voce, che si confrontano e si incitano reciprocamente“.