Quantcast

Fondazione Ticino Olona, ecco il nuovo CdA

Salvatore Forte riconfermato alla presidenza, per la prima volta nella storia della Fondazione

Più informazioni su

LEGNANO – Il nuovo Consiglio di Amministrazione della Fondazione Ticino Olona si è riunito per la prima volta ieri 30 luglio 2020 e, dopo le formalità di rito, ha riconfermato Salvatore Forte nella carica di presidente per il prossimo quadriennio, il quale, a sua volta, ha scelto la dr.ssa Marina Mignone quale vice presidente. Si chiude così, nel segno della continuità, l’iter di rinnovo del CdA che dovrà gestire la Fondazione nel periodo 2020-2023.

E’ la prima volta che un presidente viene riconfermato e che il Consiglio sia per i due terzi composto da consiglieri rieletti. I soci fondatori hanno voluto in questo modo condividere quanto è stato fatto dal Consiglio durante il primo mandato e incoraggiare lo stesso a proseguire sulla strada della trasformazione intrapresa.

Come poter sintetizzare questa trasformazione? “Nell’evoluzione, potremmo dire, del concetto di filantropia e del modo di intendere la sua gestione – scrivono i vertici della Fondazione –  Inizialmente la Fondazione era considerata solo un erogatore (seppur importante) di contributi agli enti del terzo settore che presentavano progetti per azioni sociali e culturali sul territorio di appartenenza; con il trascorrere del tempo e con la trasformazione della società la Fondazione è diventata intermediaria filantropica tra attori pubblici e privati e si comporta anche come ente di prima fila con un rapporto diretto con i bisognosi senza passare da enti terzi: fa così quando decide di distribuire DPI e altro materiale di sicurezza alle RSA e lancia una raccolta fondi sempre a favore delle RSA, RSD e CSS.”

Ai primi di settembre consiglieri e struttura si riuniranno in una giornata di lavoro, Seminario Organizzativo, per la definizione di un programma d’intervento ampio composto da eventi e progetti già attivi ai quali si affiancheranno le nuove iniziative: il tutto finalizzato a far nascere una forma di filantropia strategica che non si limita a intervenire a danni subiti ma spera anche di costruire condizioni che limitano se non addirittura evitino i danni futuri.

Questa la composizione del nuovo Consiglio di Amministrazione:

Salvatore Forte, presidente (aree territoriali trasversali)
Marina Mignone, vicepresidente (area territoriale magentino)
Alessandro Acito, consigliere confermato (area territoriale abbiatense)
Gianfranco Bononi, nuovo consigliere (area territoriale legnanese)
Carmen Colombo Galli, consigliere confermata (area territoriale legnanese)
Paolo Cucchi, nuovo consigliere (area territoriale abbiatense)
Daniele Giudici, consigliere confermato (aree territoriali trasversali)
Davide Lattuada, nuovo consigliere (area territoriale legnanese)
Luciano Marzorati, consigliere confermato (area territoriale castanese)

Riconfermati, nella stessa seduta di consiglio, i probiviri nelle persone del notaio Davide Carugati, del già presidente Piero Cattaneo e della commercialista Loredana Morlacchi. Non erano invece in scadenza i revisori dei conti (Alberto Lazzarini, Annalisa Paganini e Massimo Piscetta).

Più informazioni su