Quantcast

Il Rugby Sound divide i legnanesi sondaggio

Si accende il dibattito sui social

LEGNANO – La lettera aperta indirizzata dagli organizzatori del Rugby Sound ai futuri amministratori comunali legnanesi, da noi pubblicata ieri (leggi nostro articolo QUI >>) ed il conseguente sondaggio da noi promosso ha scaturito un acceso dibattito sia sui nostri canali social, che su quelli cittadini.

Molti i pareri discordanti, tra chi è favorevole allo svolgimento dell’evento all’Isola del Castello, chi lo vorrebbe a Legnano ma in un luogo differente e chi invece ritiene che torni a svolgersi altrove.

Tra i tanti commenti, ne abbiamo scelti due, il primo degli stessi organizzatori del Rugby Parabiago, che precisano meglio il reale intendimento della loro lettera aperta: “Quando parliamo di sostegno e attenzione, intendiamo riguardo le tempistiche di avvio delle pratiche di concessione dell’area e di tutti i permessi necessari per organizzare una grande manifestazione. Ci vuole una programmazione di quasi 10 mesi per la logistica, per la parte artistica e per tutte le varie dinamiche da mettere in moto. Purtroppo la Città di Legnano è stata commissariata per i motivi che tutti conosciamo. Questo significa che, fino almeno ai primi di ottobre, nessuno politicamente parlando potrà seguirci e occuparsi di RS 2021. Ci sembra più che legittimo – visti anche gli ultimi mesi nei quali siamo stati inascoltati – chiedere pubblicamente se esiste un reale interesse e che soprattutto questo interesse non deve arrivare a gennaio 2021, altrimenti non ci sono i tempi per fare nulla.
Per darti una visione ancora più completa, La Città di Legnano non elargisce nessun euro all’organizzazione, bensì è esattamente il contrario. Tra tasse sul suolo pubblico ed oneri vari si tratta di migliaia di euro che entrano e NON escono dalle casse comunali.

Di diverso parere il secondo commento raccolto, quello di Franco Brumana, candidato Sindaco alle prossime amministrative, fondatore del gruppo Facebook “Amici dell’Olona“, da sempre contrario alla manifestazione all’Isola del Castello, che sul gruppo Facebook “La Voce di Legnano” scrive: “E’ una questione di scelta tra birra, salsicce, musica assordante che molesta tanti cittadini non solo di Legnano, presenza di migliaia di spettatori in gran parte forestieri che non consumano alcunché al di fuori della festa, il finanziamento di una società sportiva non legnanese e altri valori che molti prediligono e che sono incompatibili. Tra le due posizioni esiste una possibile ed onorevole mediazione e cioè fare un Rugby Sound ecocompatibile spostando il luogo dei concerti ed evitando le molestie sonore. E’ evidente che in questo caso gli utili per gli organizzatori sarebbero minori. Si rispetterebbe però l’esigenza di valorizzare l’ambiente meraviglioso dell’isola e della sua oasi di biodiversità che alcuni vorrebbero ridotta a un divertimentificio non solo per il Rugby Sound ma anche per altre feste di massa. Una città civile, acculturata e moderna non può consentire lo scempio degli scorsi anni“.

Intanto, dopo il primo giorno online, il nostro sondaggio al momento vede una netta maggioranza di lettori favorevoli alla permanenza del Rugby Sound al Castello, contro coloro che lo vorrebbero fuori dalla Città del Carroccio. Ci preme precisare che non abbiamo volutamente indicato nel sondaggio la possibilità che possa restare a Legnano ma in una sede differente, perchè sinceramente non vediamo un altro luogo in città che possa ospitare un simile evento senza arrecare disturbo alle abitazioni vicine.

Sondaggio

Il Rugby Sound deve restare al Castello o lasciare Legnano?

  • Restare al Castello (72%)
  • Lasciare Legnano (27%)
  • Non so (1%)
Loading ... Loading ...