ABA: Musa Janha, dal Gambia un investimento per il futuro

Una scommessa firmata Knights Legnano e Sangiorgese Basket

ALTOMILANESE – L’Accademia Basket Altomilanese, società fondata dai Knights Legnano e dalla Sangiorgese Basket, fa una scommessa sul futuro.

ABA ha infatti farà giocare nella propria Under 18, ma inserendolo anche nel roster dei Knights in Serie C Gold, il giovane Musa Janha, classe 1984 e 184 cm, nato in Gambia ma con parenti a Borgomanero (NO), grazie ai quali, giocando per quattro anni nei campionati italiani, gli permetterà di acquisire il passaporto italiano.

Tra due anni Janha dovrebbe alla Sangiorgese, per confermare i propri miglioramenti e ottenere lo status di giocatore italiano.

Nelle ultime stagioni il giovane cesista ha giocato con Iberostar Canarias e AD Torrelodones, due società spagnole che partecipano ai campionati nazionali giovanili. Dopo essere stato MVP delle finali Under 15 del 2018/2019 e inserito nel quintetto ideale, si è fatto anche notare per aver segnato 47 punti nella gara di finale contro i parità del Barcellona.

Convito di poter avere una chance qui in Italia, ha voluto sfruttare l’occasione di ottenere il passaporto italiano per ampliare le sue possibilità di carriera. Musa Janha si trasferirà a Legnano e frequenterà l’Istituto Bernocchi, allenandosi stabilmente con la Serie C.

E’ la prima volta che Legnano ed ABA provano a costruire una operazione del genere – commenta il General Manager dei Knights Maurizio Basilico –  Questo dimostra la volontà di Legnano e Sangiorgio di proseguire ed investire sul progetto ABA, puntando su un ragazzo dal grande potenziale. E’ un giovane molto intelligente che parla già fluentemente spagnolo, inglese e francese. Personalmente l’ho visto ad inizio estate per alcuni allenamenti che ha sostenuto con noi e devo dire che sembra avere dei margini impressionanti di crescita. Al momento è un atleta di altra categoria, ma deve ancora migliorare tecnicamente, cosa che è stata il grimaldello suo e nostro per trovare un accordo sui prossimi 4 anni. Musa sarà vincolato a noi e avrà un percorso di sviluppo personalizzato che lo metterà in condizione di diventare italiano, passando dall’essere un possibile protagonista in C e poi in B, non trascurando l’iter scolastico di cui saremo supervisori. Una nuova sfida per la crescita della nostra società che ha messo l’asticella ancora un po’ più in alto.