Quantcast

Grande Trittico Lombardo, Nibali e Van Avermaet osservati speciali

Sette i team WorldTour iscritti, 146 i corridori al via da Legnano - L'elenco dei partenti

LEGNANO – È arrivato il giorno del Grande Trittico Lombardo, la gara che in questo 2020 raggrupperà in un unico evento Coppa Bernocchi, Coppa Agostoni e Tre Valli Varesine.

Una competizione entrata a far parte del circuito 1.Pro, come sarebbero dovuti essere da quest’anno la Bernocchi e la Tre Valli Varesine, che vedrà al via ventuno squadre, di cui sette WorldTour (CCC, Astana, Mitchelton-Scott, Movistar, Uae-Emirates, Ineos, Trek-Segafredo), otto professional, cinque continental e la Nazionale Italiana di Davide Cassani, per un totale di 146 corridori che poco prima di mezzogiorno partiranno da Largo Tosi a Legnano per attraversare l’Altomilanese, la Brianza, la Valle Olona e raggiungere l’arrivo in centro a Varese.

Per questa gara che rappresenta il secondo appuntamento ufficiale per il ciclismo professionistico dopo le Strade Bianche di sabato 1 agosto, tanti i big al via, sui quali spiccano i nomi di Vincenzo Nibali e del belga Greg Van Avermaet, campione olimpionico a Rio 2016 e grande specialista di classiche, che cercherà di venir fuori alla distanza sui saliscendi dei quattro giri finali sulle strade del Mondiale di Varese del 2008.

Nibali ha rischiato di saltare l’appuntamento lombardo, dopo la caduta che lo aveva costretto a ritirarsi dalla corsa senese. Dopo aver sottoposto la mani sinistra ad esami radiografici a Torino, i medici hanno escluso complicazioni ed in campione siciliano sarà dunque regolarmente alla partenza di Largo Tosi. Insieme a lui la Trek-Segafredo schiera il compagno di squadra Giulio Ciccone, che Adriano Baffi, Direttore Sportivo del team, vede tra i possibili vincitori: “Alla sua prima partecipazione alla Strade Bianche Ciccone è riuscito a concludere la corsa, nemmeno tanto adatta a lui. Significa che sta bene. Il finale del Grande Trittico non presenta dislivelli proibitivi, tuttavia pronosticate pure Giulio tra i vincitori”.

Anche la Uae-Emirates si presenta a Legnano agguerrita, come spiega il tecnico Manuele Mori: “Valerio Conti è la nostra punta. Alla Strade Bianche è arrivato ventunesimo pur trattandosi di una corsa poco adatta a lui. Conti si è messo al servizio della squadra e malgrado ciò è arrivato davanti. Al Trittico le nostre punte sono anche Polanc e Riabushenko“.

L’Astana punta molto sul fondista kazako Alexey Lutsenko, mentre l’Ineos si propone con la coppia Gianni MosconMichal Kwiatkowski, che si dovrebbero trovare molto a loro agio sul circuito finale varesino. L’italiano conosce bene il percorso brianzolo, dove si è imposto nella Coppa Agostoni di due anni fa, mentre il polacco ha alle spalle una Milano-Sanremo nel 2017 ed due titoli di Campione del Mondo, nel 2013 nella cronosquadre in Toscana e l’anno successivo nella gara in linea Elite in Spagna.

Altri possibili candidati alla vittoria sono Francesco Gavazzi dell’Androni-Sidermec (vincitore di una Coppa Agostoni), Marco Canola della Gazprom, Sacha Modolo dell’Alpecin-Fenix, Vincenzo Albanese della Bardiani-Csf), Jan Bakelants della Circus-Wanty-Gobert e Giovanni Visconti della Zabu-Ktm, oltre al velocista francese Nacer Bouhanni dell’Arkea-Samsic, un 47 vittorie in carriera, da tenere in considerazione nel caso di arrivo in volata a Varese.

Presenti al Grande Trittico Lombardo anche gli Azzurri della Nazionale sperimentale del CT Davide Cassani, che sarà affiancato dal tecnico dell’Under 23 Marino Amadori. Tra di loro Aleotti, Conca e Colleoni potrebbero dare soddisfazioni con degli spunti nelle salite del circuito finale, mutuato dalla Tre Valli Varesine.

La lista dei partenti è scaricabile QUI >>