Quantcast

Per Brumana Legnano deve diventare la “Città della bicicletta”

"Il legame della città con la bicicletta è profondo e radicato nella storia cittadina"

LEGNANO – Il Grande Trittico Lombardo ha stuzzicato l’interesse di molti dei candidati sindaco: qualcuno ha presenziato all’evento, qualcun’altro ne ha preso spunto.

È questo il caso di Franco Brumana, candidato della lista civica che porta il suo nome, che partendo dalla storia industriale della nostra città e ricordando i marchi “Wolsit” e “Legnano“, è arrivato a proporre il titolo di “Città della bicicletta“.

Con la partenza del Grande Trittico Lombardo e con gli eventi collaterali – ha commentato BrumanaLegnano ha vissuto una festa popolare dello sport, ottimamente organizzata, nonostante le difficoltà imposte dalle misure anti-covid. L’ U.S. Legnanese 1913 ha dato un’ulteriore prova del suo impegno per il ciclismo e delle sue capacità organizzative e pertanto il suo Presidente Luca Roveda e tutti coloro che hanno collaborato meritano i dovuti complimenti.”

Per il candidato sindaco “questa importante manifestazione non può esaurire l’interesse di Legnano per il ciclismo e in genere per la bicicletta.

Il legame della città con la bicicletta è profondo e radicato nella storia cittadina a partire dall’inizio del novecento, e risale alla fabbrica Wolsit, che poi ha assunto la denominazione “Legnano” e il marchio con il nostro Alberto da Giussano – ha proseguito Brumana, sottolineando come “le biciclette Legnano si trovano ovunque nel mondo ed hanno anche dato il nome “Verde Legnano” ad una particolare tonalità di colore, che ha caratterizzato gran parte della loro produzione. Hanno rappresentato e pubblicizzato per circa un secolo l’eccellenza del patrimonio tecnologico, che ha sempre caratterizzato la nostra città.”

La fabbricazione di queste biciclette – ricorda ancora Brumanaaveva dato origine alla squadra di ciclismo “Legnano” che ha aumentato a dismisura la notorietà della nostra città e che è sicuramente tra le più note e vincenti compagini della storia del ciclismo. Per la squadra “Legnano” hanno corso nientemeno che Brunero, Girardengo, Binda, Bartali, Coppi e Baldini.”

Quando Coppi era gregario di Bartali nella Legnano
Biciclette Legnano

Da qui la proposta di trasformare Legnano da “Città del Carroccio” a “Città della bicicletta” : “La connessione della città con la bicicletta ha quindi significati storici ed identitari della nostra comunità e non può essere trascurata. Promuovere Legnano come “città della bicicletta” significa promuovere un marchio di origine “Legnano” e può comportare ritorni benefici anche per l’economia della città.”

Il candidato sindaco suggerisce di prendere in seria considerazione la proposta di Gianpiero Prinzo, amministratore del gruppo di Facebook “La mia Legnano”, che ha lanciato l’idea di un museo cittadino della bicicletta Legnano e naturalmente della sua gloriosa squadra.

Biciclette Legnano

Si potrebbe inoltre organizzare una sagra della bici, coinvolgendo i commercianti, le ditte distributrici o produttrici e le varie associazioni volte al ciclismo in tutti i suoi aspetti, comprese le attività non agonistiche – propone Brumana – Naturalmente per vantarsi del titolo “Città della bicicletta” Legnano dovrà fare di tutto per promuoverne l’uso e dovrà realizzare piste ciclabili che colleghino i Comuni vicini, le periferie e il centro cittadino.

Ma bicicletta non è solo sport e mobilità dolce, ma anche turismo, secondo il candidato sindaco: “Si dovrà anche considerare il turismo di bicicletta, che in Europa conta circa 10 milioni di praticanti, collegando le piste ciclabili cittadine al percorso della Valle Olona, che termina a Mendrisio in Svizzera, e alle piste ciclabili del Villoresi e del Ticino che offrono possibilità enormi di attrazione turistica. Legnano dovrà farsi promotrice nei confronti delle altre pubbliche amministrazioni di azioni concrete per realizzare questa rete di percorsi e per dotarla di servizi adeguati.”

Faremo in modo che Legnano possa al più presto e a ragion veduta, segnare i propri confini con il cartello “Legnano, città della bicicletta”, conclude Brumana.

Biciclette Legnano