Quantcast

Niente bis per la Futura: vince Marsala fotogallery

Partita combattuta, ma alla fine la spuntano le ospiti

BUSTO ARSIZIO – Non riesce alla Futura il bis, dopo il bel successo di domenica contro Montale.

E’ però un grande peccato, perché la sconfitta contro la Sigel Marsala è arrivata senza un demerito da parte delle Cocche che, a parte nel primo set, chiuso con 9 lunghezze di svantaggio, nel secondo hanno dominato in scioltezza, mentre sono uscite sconfitte dal terzo e dal quarto soltanto ai vantaggi, peraltro dopo essere state avanti 23-20 in entrambi.

Un match tirato, giocato molto spesso punto a punto, al termine del quale l’hanno spuntata le ospiti, ma sarebbe potuta finire ben diversamente.

Certo di fronte alla Futura questa sera è scesa in campo una squadra ben organizzata, con grandi obiettivi in questo campionato, e molto forte in difesa, ma ci sentiamo di ritenere ingiusto che questa sera le biancorosse non abbiano mosso la classifica, nemmeno di 1 punto.

Sul piano singolo le prestazioni delle Cocche sono ineccepibili, con i 20 punti di una sempre più convincente Carletti, seguita da Latham a quota 14.

10 punti a testa per le centrali, Lualdi e Sartori, sempre in palla e pronte al sacrificio.

Dispiace, ma domenica c’è subito l’occasione per riscattarsi, sebbene su un campo difficile come quello di Roma.

Ora testa bassa e lavorare, perché questa Futura ha delle grandissime potenzialità che ancora non abbiamo visto e, quando finalmente queste usciranno, per gli avversari saranno guai seri.

La cronaca:
Primo set 0-1 (16-25)
Avvio complicato per le padrone di casa che soffrono la brillantezza in attacco di Marsala (3-9) e Lucchini spende subito un time-out, al rientro in campo Lualdi interrompe il break ospite di 0-5, pescata in primo tempo da Nicolini. La breve riscossa non premia le Cocche che poi concedono qualcosa di troppo (8-14, 10-17). Il secondo time-out di Lucchini non risolve i problemi, con i numerosi attacchi biancorossi a infrangersi contro la difesa leonina siciliana (12-22). I punti messi in cassaforte da Michieletto e Sartori non bastano e Marsala è abile nello sfruttare il margine di vantaggio, chiudendo il parziale in proprio favore.

Secondo set 1-1 (25-15)
D’altra pasta la Futura in questa fase, con Carletti che mette le ali e vola letteralmente su ogni pallone, spingendolo con forza nel campo avversario (5-2). Timidissima reazione della Sigel, poi Lualdi e di nuovo Carletti, da servizio, mettono le basi alla fuga, rilanciata ulteriormente dal mancino killer di Michieletto (8-4). Messa sotto pressione Marsala commette alcuni errori, ma si sa riorganizzare e comincia così un nuovo momento di gara, con le Cocche avanti, seppur costrette a prestare la massima attenzione (9-6, 11-10, 13-11). Pigia sull’acceleratore Latham e la Sigel torna a soffrire, andando in bambola sul murone di Giuditta Lualdi che manda in black out le ospiti (16-11). La grande bellezza la Futura l’ha al centro, con il duo Lualdi-Sartori a dispensare lezioni di volley (22-14), è un tripudio biancorosso, ora sì che riconosciamo le Cocche! Il set finisce saldamente in mano biancorossa, con Carletti a fare di nuovo la voce grossa in attacco. Ma purtroppo c’è da evidenziare l’uscita per infortunio, fra le ospiti, dell’ex di turno, Aurora Pistolesi, caduta male e vistosamente sofferente alla caviglia destra.

Terzo set 1-2 (27-29)
Inizio shock con Marsala che vola sullo 0-4, ma Lucchini chiama time-out e risolve la situazione, dato che in pochi scambi si va sul 4-4, con una squadra più organizzata e capace di mandare di nuovo a punto Carletti. Marsala tenta un nuovo allungo (6-9) ma la reazione della Futura è veemente grazie a doppia Lualdi e alla neo entrata Zingaro (10-10). Latham e Carletti, a muro e in diagonale prepotente timbrano il sorpasso (13-11), nel frattempo Garzonio è sempre più determinante in difesa, ma Marsala è animale da combattimento, mai domo, e con un veloce parziale di 0-3 torna in avanti (14-15), qui si apre una fase punto a punto vivace e caratterizzata da continui ribaltoni. Latham e Lualdi dominano a muro, con Carletti sempre pronta a ferire. Torna in campo Pistolesi, la Futura aggredisce senza pietà e con l’ace di Nicolini va a +3 (22-19). Sartori in primo tempo cementa il vantaggio, ma il rientro siciliano sul 24-24 apre nuovi scenari nell’ottica del match e la stessa Pistolesi si rende protagonista ai vantaggi del 27-29 per le ospiti.

Quarto set 1-3 (24-26)
Parte bene la Futura ma Marsala annusa il successo e ribalta il 3-2 iniziale con un bel 4-7, le Cocche si devono riorganizzare in campo se vogliono riaprire i giochi. Incrementa lo svantaggio (5-10) ma con i missili delle avanti della Futura tutto può cambiare in un attimo: a turno Carletti e Latham dardeggiano il campo avversario, in mezzo l’ace di Nicolini ed è confezionata la parità. Nella fase centrale le due compagini si combattono punto a punto, con Sartori letale in primo tempo (15-14, cambio al centro con Veneriano per Lualdi, mentre Sormani va a dare una mano dietro). Si prosegue a lungo su questo leitmotiv, poi un errore ospite e un bel pallonetto di Carletti stampano sul tabellino segnapunti 19-17. La strada sembra spianata, Marsala pare aver tirato i remi in barca, ma è tutto un grande inganno: il +3 si trasforma in pareggio, a nulla vale il 24-23 di Zingaro, la Sigel si porta a casa la piena posta.

Futura Volley Giovani-Sigel Marsala 1-3
(16-25, 25-15, 27-29, 24-26)

Futura Volley Giovani: Veneriano, Nicolini 5, Michieletto 6, Vecerina ne, Latham 14, Lualdi A. Ne, Sartori 10, Lualdi G. 10, Sormani, Carletti 20, Garzonio (L), Zingaro 3. Allenatore: Lucchini. Secondo allenatore: Chiofalo.

Sigel Marsala: Caserta 7, McCall-Ginnis 21, Nonnati, Mistretta (L) ne, Mazzon 9, Demichelis, Parini 9, Vaccaro (L), Pistolesi 15, Colombano ne, Caruso 5, Soleti 11. Allenatore: Amadio. Secondo allenatore: Campisi.

MVP: Mc Call-Ginnis (Sigel Marsala)

Arbitri: Pozzi – Pasin

Note:
Futura Volley Giovani: 6 ace (7 errori in battuta), 56% in ricezione (32% perfetta), 36% in attacco, 10 muri.

Sigel Marsala: 3 ace (8 errori in battuta), 48% in ricezione (29% perfetta), 42% in attacco, 8 muri.