Quantcast

Pioggia di medaglie per l’Atletica SVO

Ai Campionati Italiani Master Outdoor di Arezzo

AREZZO – Risultati di grande prestigio per l’Atletica San Vittore Olona ai Campionati Italiani Master che si sono tenuti nello scorso fine settimana ad Arezzo.

Tre gli atleti sanvittoresi in gara in quattro diverse competizioni e quattro medaglie ottenute: un bottino straordinario e difficilmente raggiungibile, che testimonia come, nonostante gli enormi ostacoli degli ultimi due anni, l’Atletica San Vittore Olona è ancora un punto di riferimento importante e continua a far parlare di se’ grazie all’impegno di atleti, allenatori e addetti ai lavori.

Il primo a gareggiare è stato l’esperto pesista Emiliano Papa, che ha ottenuto l’ennesima medaglia tricolore della sua carriera nella categoria Master-60 con una misura ben superiore rispetto ai Regionali di qualche settimana prima. Per lui è la quinta medaglia d’argento in carriera, peccato solo per quei quattro sfortunati centimetri, che non gli hanno consentito di vincere quell’oro che ancora manca al suo foltissimo palmares.

In seconda battuta il veterano Carlo Dell’Acqua è stato impegnato nei 5000 metri, dove ottiene una medaglia di bronzo nella Categoria Master-75 a coronamento di una gara sempre estremamente difficile e dispendiosa. A 77 anni Carlo continua a correre con la stessa grinta di un giovanotto, offrendo un esempio pratico di costanza e dedizione. L’amore verso lo sport, infatti, supera qualsiasi barriera fisica e mentale, come l’età e gli acciacchi che possono capitare durante la carriera inramontabile.

Sabato è stato il turno di Barbara Martinelli che non solo vince l’ennesimo titolo italiano Master, ma addirittura abbatte letteralmente il suo record italiano dei 400 metri. Ben 71 centesimi in meno (1.03.38, un tempo stratosferico per la categoria Master-55) che fanno esplodere la gioia non solo di Barbara, ma anche della sua famiglia, che l’ha sempre seguita e supportata, specialmente in questi ultimi due anni molto difficili. Infatti, nel 2018 Barbara fu vittima di un bruttissimo infortunio proprio nella stessa pista toscana, dove a distanza di due anni, si riconferma ancora vincitrice.

Domenica, a poche ore dal record italiano dei 400 metri, arriva il bis negli 800 metri con una cavalcata senza storia, conclusa in 2.32.30, che mette la ciliegina sulla torta a questa edizione dei Campionati Italiani. Sembra un film, un sogno a lieto fine, ma è tutto vero: straordinaria e commovente Barbara!

(fonte e foto Atletica SVO)