Quantcast

Puliamo il Roccolo, dalla discarica di Casorezzo!

“Puliamo il Mondo” per dimostrare ancora una volta la volontà comune di difendere e tutelare il proprio territorio

PARABIAGO –  Il Parco del Roccolo aderisce all’iniziativa “Puliamo il Mondo” organizzando per Domenica 11 ottobre una mattinata di volontariato civico per la raccolta dei rifiuti abbandonati nel Parco intorno al sito individuato per la discarica di rifiuti tra i Comuni di Busto Garolfo e Casorezzo.

Per la prima volta la “Comunità del Parco”, rappresentata dai Comuni convenzionati di Canegrate (capofila), Arluno, Busto Garolfo, Casorezzo, Nerviano e Parabiago, e dalle Associazioni (Circoli di Legambiente di Arluno, Canegrate, Nerviano e Parabiago, Comitato Cittadini Antidiscarica) ha deciso di organizzare un evento collettivo di “Puliamo il Mondo” per dimostrare ancora una volta la volontà comune di difendere e tutelare il proprio territorio.

La pulizia inizierà alle ore 9.30 con ritrovo presso il presidio “No discarica” in Via delle Cave a Busto Garolfo, che si potrà raggiungere anche in bicicletta dai punti di partenza previsti in tutti i Comuni del Parco (ritrovo ore 08.30). Il termine dell’attività è previsto intorno alle ore 12.00, per consentire il rientro in bicicletta ai punti di partenza entro le ore 12.30.

Il materiale necessario per la pulizia verrà distribuito a cura dell’organizzazione. Sarà obbligatorio l’uso della mascherina e la sottoscrizione del protocollo di prevenzione alla diffusione del virus Covid-19.
In caso di maltempo, l’iniziativa verrà rinviata a domenica 18 ottobre.

Puliamo il Mondo è organizzata in Italia da Legambiente in collaborazione con Federparchi – Europarc Italia, UPI e con i patrocini di Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Rappresenta l’edizione italiana di “Clean Up The World” e si caratterizza per la valenza educativa e la partecipazione: oltre 600.000 volontari scendono in piazza per ripulire ogni anno circa 4.000 aree distribuite in 1600
Comuni.